Suolo e Salute

Tag Archives: Green Economy

SE LA SOSTENIBILITÀ DIVENTA UN VALORE

SE LA SOSTENIBILITÀ DIVENTA UN VALORE

Circa 37,5 milioni di italiani ricerca all’interno della propria quotidianità un modo per tutelare e fare spazio a scelte che salvaguardino la propria salute e quella del pianeta.

Cresce del 3% rispetto all’anno scorso, l’interesse degli italiani verso il cosiddetto tema green.
Lo scopriamo attraverso un rapporto annuale, realizzato per il settimo anno consecutivo da LifeGate, in collaborazione con l’Istituto Eumetra Mr., dal titolo: Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile.

Se spostiamo lo sguardo indietro di qualche anno, scopriamo la sensibilità del popolo italiano su questo fronte, essere cresciuta del 32%. Dal 2015 infatti, l’attenzione per tutto ciò che riguarda uno stile di vita sostenibile, è incrementata notevolmente.
I più attenti e propositivi?
La generazione Z, per cui la sostenibilità rappresenta un valore. Questi ragazzi appaiono infatti in prima linea (assieme a laureati e adulti fino ai 34 anni), nella ricerca della salvaguardia dell’ambiente, all’interno delle scelte del quotidiano.

Il coinvolgimento delle città

Da Roma a Milano, la percentuale di partecipazione delle persone al tema si trasforma. Milano, ora motore della crescita, registra dallo scorso anno il +5% del coinvolgimento tra i cittadini in tema ambientale. La capitale modera invece il proprio interesse, riportando rispetto allo scorso anno, un calo del 5% dell’attenzione sull’argomento.

Le conseguenze della pandemia

Dal verificarsi dell’emergenza dovuta alla diffusione del Covid-19, gli stili di vita delle persone hanno teso a un cambiamento o condotto a una messa in discussione di questo.

A posteriori dell’emergenza, l’86% della popolazione ha in programma di modificare il proprio stile di vita, favorendo la scelta di prodotti nazionali. Il 75% acquista prodotti Made in Italy; il 69 mangia più sano; il 67% preferisce prodotti sostenibili, il 63% fa attenzione che siano specificatamente biologici. Quanto alle vacanze, l’83% delle persone predilige mete italiane.

Anche relativamente ai mezzi, si è verificato un mutamento. Il 42% ha “scoperto” la bicicletta e il 15 ha incrementato la percorrenza di piste ciclabili cittadine.

Il fronte teorico

Il tema del riscaldamento globale trova tutti alquanto preparati: informatissima è la Generazione Z che sfiora l’85% di informazione sull’argomento, al fianco di un più che sufficiente 77%, che investe il resto della popolazione.

La crisi climatica, con tutte le conseguenze che si porta appresso, è nota al 61%. Le percentuali diminuiscono se nominiamo la transizione ecologica, che tocca il 32% assieme al tema della Cop26.
La carbon neutrality è in coda ai temi green con il 20% di informazione in merito. Un buon 87% della popolazione, si è fatto l’idea che sia necessario fermare i cambiamenti climatici, adattando il proprio stile di vita. Vediamo come.

Il versante pratico

L’alimentazione, è certo l’ambito attraverso cui viene canalizzato l’impegno, di coloro che hanno a cuore la sostenibilità e cercano di applicarla alle scelte del quotidiano. Il 59% della Generazione Z e il 50% della popolazione in generale, sa distinguere e descrivere le caratteristiche di un’alimentazione sostenibile che si rispetti.

Il 25% sceglie di limitare la quantità di carne; il 5% predilige una dieta vegetariana o vegana.
Il 79% sostiene e crede nell’agricoltura biologica, con un consumo degli alimenti bio al 14%; nel quale il 33% della popolazione sarebbe disposto a investire di più in termini economici.

La mobilità in chiave sostenibile, è un argomento accolto dal 49% della popolazione (52% Generaz. Z), sebbene l’auto elettrica sia contemplata solo dall’8%. Il 74% domanda un incremento dei mezzi pubblici e dei car sharing, al fine di ridurre l’utilizzo singolo della propria automobile.

L’87% degli italiani ritiene siano corretti gli investimenti statali nelle fonti di energia rinnovabile, il 20% afferma anche di utilizzarla.

Per quanto riguarda il versante della Moda: l’81% delle persone è a conoscenza che moda e arredamento rientrino tra le categorie sostenibili, ma solo il 12% ne fa effettivamente uso.

Il 37% contempla e presta attenzione anche agli investimenti sostenibili, ma chi ne effettua realmente è il 12% della popolazione. Il 25% ha inoltre fatto esperienza di crowdfounding e il 17, di investimenti a impatto. L’11% nei fondi di investimento Esg.

Nella selezione delle aziende dal quale acquistare, i criteri attraverso cui queste, vengono giudicate sostenibili, consistono: nella modalità di utilizzo delle proprie risorse (50%); nell’essere o meno Carbon neutral (30%); nella pubblicazione di report aziendali legati alla sostenibilità (19%).

Quanto ai prodotti consumati invece: il 35% degli italiani considera importante la trasparenza delle informazioni comunicate; il 24%, la presenza di una certificazione sostenibile a garanzia di qualità e il 14% valuta importante la compensazione delle emissioni.

 

Fonte: Repubblica

GREEN ECONOMY, UNA QUESTIONE DI VOLONTÀ POLITICA CHE PUÒ FARE LA DIFFERENZA

GREEN ECONOMY, UNA QUESTIONE DI VOLONTÀ POLITICA CHE PUÒ FARE LA DIFFERENZA

È uscito pochi giorni fa il sesto rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc), l’organismo delle Nazioni Unite responsabile delle valutazioni relative al fenomeno del cambiamento climatico.

Il documento mette in evidenza la rapidità con cui si stanno verificando alcuni cambiamenti irreversibili, primo fra tutti il surriscaldamento delle temperature medie – ora ad 1,1 °C -; che raggiungerà in 20 anni gli 1,5 °C, provocando lo scioglimento dei ghiacci e l’innalzamento dei mari.

Lo studio sottolinea così, l’urgenza di altrettanta rapidità nell’apportare riduzioni immediate e su larga scala, delle emissioni di gas serra.

Indietro non si torna, dichiara Filippo Giorgi, climatologo del Ipcc. Lo scioglimento dei ghiacci della Groenlandia non potrà essere fermato, ma possiamo intervenire su fronti ancora più preoccupanti.

È strettamente necessario smettere di bruciare combustibili fossili, come carbone, petrolio e gas, poiché vi è il rischio di un evento che non si è mai verificato negli ultimi dieci periodi interglaciali, da prima della comparsa dell’uomo sul pianeta Terra: un surriscaldamento di 3-4 °C.

Le conseguenze? Poco prevedibili secondo il climatologo. Zone come il Mediterraneo andrebbero incontro a desertificazione, le correnti oceaniche rallenterebbero enormemente, salterebbero in sostanza tutti gli equilibri geopolitici attuali.

Gli eventi climatici estremi, rispetto agli anni ’80, sono già triplicati, aggiunge, a una velocità senza precedente alcuno. Con questi presupposti sarà come adattarsi a vivere in un altro Pianeta.

La soluzione secondo il rapporto, consiste in un’accelerazione della transizione verso la Green Economy. E’ una questione in parte culturale e in parte di volontà politica.

I Paesi emergenti vanno aiutati verso uno sviluppo differente da quello europeo e degli Stati Uniti d’America, poiché hanno il problema della povertà energetica, che dovrà comunque essere indirizzata verso una risorsa diversa da quella dei combustibili fossili.

Dobbiamo sfruttare l’eolico, il fotovoltaico, le batterie per l’accumulo, i motori elettrici. Dai trasporti, al riscaldamento, alla produzione industriale: tutto urge di essere convertito a elettrico.

Dal punto di vista culturale invece, gli strumenti di cui noi individui disponiamo per determinare un cambiamento, sono il voto e le scelte di acquisto.

Attraverso le scelte alimentari, abbiamo già cominciato a modificare le nostre abitudini, ma dobbiamo continuiamo a diminuire il consumo di carne, a virare verso il riciclo e l’economia circolare, a sprecare meno in generale.

Acquistiamo infine energia da fonti rinnovabili. Solo attraverso questo insieme di azioni, sottolinea Giorgi, creeremo una possibilità per fare la differenza.

L’agricoltura biologica è un ottimo alleato del clima. Prendendo ad esempio la concimazione delle colture: esiste una connessione diretta tra le emissioni di protossido d’azoto e la quantità di fertilizzante azotato applicato ai terreni agricoli. Il protossido di azoto è un gas serra particolarmente stabile in atmosfera ed ha impatto ambientale fortissimo. Chi pratica l’agricoltura biologica non fa uso di questo tipo di fertilizzanti sintetici.

Il contributo dell’agricoltura biologica non è solo riferito al non uso dei fertilizzanti di sintesi e pesticidi, ma risiede nella tecnica adottata che in molti casi permette di immagazzinare il carbonio nel suolo. Queste sono alcune delle operazioni che permettono il ritorno del carbonio nel terreno:

– Lavorazione minima
– Restituzione dei residui colturali al suolo
– Uso di colture di copertura
– Rotazioni delle colture
– Maggiore integrazione dei legumi per il fissaggio dell’azoto

Otteniamo così un aumento della produttività e meno dispendio di carbonio nell’atmosfera.

 

Fonte: Corriere della Sera

Ecomondo 2017, torna a Rimini la fiera della Green Economy

Ecomondo 2017, torna a Rimini la fiera della Green Economy

385mila aziende italiane operano nella Green Economy. 190,5 miliardi il valore del comparto solo in Italia (pari al 13% dell’economia nazionale). Quasi 200mila i nuovi posti di lavoro creati in Italia dall’economia circolare. Sono questi i numeri nel nostro Paese dell’economia ‘verde’. Numeri che posizionano l’Italia tra i primi posti in Europa per green e circular economy. Per fare il punto del settore e riunire operatori, aziende, cittadini, da 21 anni si svolge in Italia la Fiera Internazionale del Recupero di Materia ed Energia dello Sviluppo Sostenibile. In due parole: Ecomondo 2017.

Come ogni anno, l’evento sarà ospitato a Rimini, presso il Quartiere Fieristico. Appuntamento dal 7 al 10 novembre. In contemporanea con l’evento, anche Key Energy, la fiera delle “Energies for climate” e quindi soluzioni per l’efficienza energetica e nuovi modelli per le energie rinnovabili. Al centro della riflessione, come sempre dal 2009 a oggi, anche il modello ideale di Città Sostenibile: durante la fiera è presente uno spazio espositivo con i più innovativi modelli di urbanizzazione, mobilità e tecnologie per lo sviluppo sostenibile del territorio.

Ecomondo 2017: gli highlight di questa edizione

Gli organizzatori di Ecomondo 2017 elencano anche gli highlight, i punti focali di questa edizione. Oltre ai temi ‘classici’ già citati, a cui si affianca il discorso sui raw materials e la circular industry, quest’anno l’attenzione sarà focalizzata su:

  • Crescita e opportunità del nuovo mercato del biometano: insieme alla Piattaforma Nazionale del Biometano, già presente all’edizione 2016, si definiranno i prossimi step e le iniziative dell’industria del gas naturale;
  • Rischio idrogeologico, management e prevenzione dei disastri: rischio climatico, inondazioni, erosione delle coste saranno al centro della riflessione sul tema;
  • In partnership con Anfia, a Ecomondo quest’anno c’è anche il Sal.Ve, Salone biennale del Veicolo per l’Ecologia, con un’esposizione di 6mila metri quadri con veicoli industriali e speciali per la raccolta dei rifiuti.

Green Economy: gli Stati Generali

Particolare interesse c’è intorno agli Stati Generali della Green Economy, che si terranno a Ecomondo 2017, per la VI edizione, il 7 e l’8 novembre. Il titolo dell’appuntamento è “Green Economy: una sfida per la nuova legislatura”.

L’appuntamento sarà l’occasione per fare il punto sul settore in Italia: sarà infatti illustrata la terza Relazione sullo stato della Green Economy, così come il Programma per la transazione alla GE. Sul secondo punto, in particolare, saranno invitate a confrontarsi le forze politiche di diverso schieramento, in vista delle prossime elezioni politiche previste per il 2018.

Saranno in particolare 5 le aree tematiche affrontate:

  • Rete delle Green Cities in Italia
  • Il futuro dell’Accordo di Parigi e le politiche energetiche nazionale
  • Economia circolare: recepimento e attuazione delle Direttive Europee sui rifiuti
  • La mobilità futura: less, electric, green and shared
  • La Green economy e le politiche industriali

Spazio anche allo scenario internazionale, con una sessione plenaria dal titolo “Europa, Cina e Usa: il futuro della Green Economy nei nuovi equilibri mondiali”.

Per partecipare all’evento è necessario registrarsi online, entro il 30 ottobre: http://www.statigenerali.org/partecipa/

Ecomondo 2017: focus sul biogas agricolo

Tra gli appuntamenti di Ecomondo 2017 da segnare in agenda, due focus interessanti sul biogas. Entrambi si terranno il 9 novembre (Area Forum CIB, padiglione D5).

Il primo appuntamento è con “La valorizzazione del potere fertilizzante del digestato agricolo”. A cura del CIB (Consorzio Italiano Biogas), l’incontro si terrà a partire dalle 10 e fino alle 12. I relatori si soffermeranno in particolare sui vantaggi della gestione ottimale del digestato in favore dell’ambiente: riduzione della CO2 in atmosfera, miglioramento della qualità dell’aria, incremento della fertilità del suolo agrario e così via.

Il secondo evento, invece, verterà su “L’utilizzo agronomico del digestato in agricoltura biologico”. Organizzato dal CIB in collaborazione con FederBio, partirà alle 12:15 e riguarderà gli utilizzi attuali e le potenzialità future del digestato in agricoltura biologica in Italia.

FONTI:

http://www.ecomondo.com/

http://www.italiafruit.net/DettaglioNews/41648/mercati-e-imprese/ecomondo-green-economy-in-200-convegni-a-rimini

http://www.statigenerali.org/cms/wp-content/uploads/2017/10/Programma_evento_stati_generali_green_economy_2017.pdf

http://www.feder.bio/agenda.php?nid=1238

http://www.feder.bio/agenda.php?nid=1237