Suolo e Salute

Autore: admin

RIVOLUZIONE BIO 2020 AL SANA RESTART

RIVOLUZIONE BIO 2020 AL SANA RESTART

Al Sana Restart, che si terrà a Bologna dal 9 all’11 ottobre 2020, si svolgerà la seconda edizione di Rivoluzione Bio 2020 – Gli stati Generali del bio.

L’evento curato da Nomisma si terrà il 9 ottobre.
I temi dei dibattiti e dei tavoli tecnici avranno lo scopo di:

  • Agevolare la riflessione sul settore del biologico
  • Conferire nuova centralità al biologico alla luce delle nuove strategie comunitarie e in previsione della nuova PAC
  • Sottolineare il reale contributo per la transizione verso un modello economico sostenibile

RIVOLUZIONE BIO 2020 avrà l’obiettivo di:

  • Rafforzare il ruolo del settore biologico nell’affrontare la sfida lanciata dall’Unione Europea con il Green Deal
  • Evidenziare il reale contributo agli obiettivi di neutralità climatica al 2050 e di biodiversità
  • Contribuire all’affermazione del biologico come modello di sostenibilità, determinante anche per la mitigazione dei rischi pandemici

Fonte: sinab.it

I LIMITI DI FOSFITI DANNEGGIANO IL MERCATO ITALIANO

I LIMITI DI FOSFITI DANNEGGIANO IL MERCATO ITALIANO

Ci sono voluti anni di discussioni per arrivare a un cambiamento dei limiti di contaminazioni accidentali da fosfiti nelle produzioni biologiche.

Questi limiti, però, non sono adeguati alle normative europee.

Secondo Cia-Agricoltori Italiani il Decreto Ministeriale pubblicato poche settimane fa in Gazzetta Ufficiale, avrà forti ripercussioni su molti agricoltori onesti che si vedranno de-certificare i loro prodotti.

Qui la notizia integrale: https://www.cia.it/news/notizie/biologico-cia-nuove-norme-su-fosfiti-troppo-restrittive-rispetto-resto-ue/

Foto di Jill Wellington da Pixabay

IL BIOLOGICO AL CENTRO DELL’EUROPA

IL BIOLOGICO AL CENTRO DELL’EUROPA

L’Europa mette il biologico al centro dei suoi piani per uno sviluppo agricolo sempre più sostenibile.

Il piano di Bruxelles punta su tre pilastri:

  • Incentivare la domanda dei prodotti bio;
  • Aumentare le superfici destinate all’agricoltura biologica;
  • Rafforzare il ruolo del settore nella lotta ai cambiamenti climatici.

Avere sempre di più un consumatore informato e fiducioso di poter avere accesso ad un prodotto sano, privo di residui chimici nocivi e anche sostenibile per l’ambiente è già di per se un obiettivo lungimirante.

Come è noto, la comunità Europea, con il Green Deal, punta nei prossimi 10 anni a raggiungere il 25% delle superfici agricole destinate al biologico, in questo momento sono il 7,5% in media. L’Italia è un capofila del settore con oltre il 15% delle superficie agricola bio.

Per dare corpo all’ambizioso progetto sono già stati stanziati 40 milioni di euro per dei programmi che hanno la finalità di promuovere il modello biologico, oltre a quelli già stanziati per gli incentivi nei piani reginali atti a mantenere e convertire sempre più superfici.

Le associazioni di settore italiane stanno cercando di sensibilizzare sempre di più la governance dello stivale per cercare di portare più attenzione sul biologico, per mantenere una leadership italiana che vanta più di 79mila aziende nel comparto, con un mercato che ormai si attesta sui 4 miliardi di euro annui.

La presidente di FederBio Mammuccini aggiunge: “È paradossale che in Italia la legge sul bio sia ferma da oltre due anni al Senato, dopo essere stata approvata quasi all’unanimità alla Camera. Si tratta di un’occasione storica considerando che l’Italia è particolarmente vocata al biologico. Con condizioni normative e una politica agricola comune adeguate potrebbe raggiungere agevolmente il 40% di superficie bio entro il 2030 e fare del sistema agroecologico un vero driver di sviluppo per rilanciare la nostra economia”.

Fonte: italiafruit.net

Foto di Ralf Kunze da Pixabay 

UN CARRELLO SEMPRE PIÙ GREEN

UN CARRELLO SEMPRE PIÙ GREEN

La sostenibilità è ormai un tema comune che sta accogliendo sempre più consenso nei consumatori.

Proprio su questo argomento si affaccia lo studio dell’Osservatorio Immagino, realizzato da GS1 Italy, che in collaborazione con Nielsen, ha studiato l’evoluzione del carrello dei consumatori.
Il paniere dei prodotti con slogan collegati alla sostenibilità ha superato le 21mila referenze, con un giro d’affari totale che sfiora gli 8 miliardi di euro.

A dominare le vendite, con un fatturato di 3,6 miliardi di euro, troviamo i prodotti con claim riconducibili alla gestione sostenibile nella fase produttiva e nel packaging. Nei 12 mesi del rilevamento sono emersi questi slogan:

  • “meno plastica” (+21,0%)
  • “biodegradabile” (+11,7%)
  • “CO2 (+19,1%)
  • “riduzione impatto ambientale” (+13,5%)
  • “sustainable cleaning” (+0,4%)

 

Al secondo posto, con un fatturato di 2,4 miliardi euro, troviamo le etichette che rimandano a un’agricoltura più vicina all’ambiente:

  • biologico
  • “senza Ogm”
  • “100% ingredienti naturali”
  • “senza antibiotici”
  • “filiera/tracciabilità

 

Si aggiungono altri dati che confermano la crescita nei comparti “senza antibiotici”, “ingredienti 100% naturali” e nei prodotti attenti alla responsabilità sociale, come Fairtrade.

 

Fonte: myfruit.it

Foto di Alexas_Fotos da Pixabay 

LA SPESA PER L’AMBIENTE

LA SPESA PER L’AMBIENTE

Comprare del cibo è un atto ecologico!

Uno studio “Enhancing NDCS for food systems”, pubblicato dal Wwf, dall’Unep e da Climate Focus ha evidenziato come alcune semplici pratiche potrebbero portare ad una drastica riduzione delle emissioni di CO2 nell’atmosfera.

Il settore alimentare è tra le prime cause d’inquinamento, il 24% del totale. Proprio per questo va studiato e migliorato.

Secondo lo studio in esame il comparto, che insieme agli sprechi alimentari, al trasporto dei prodotti e alla gestione dei rifiuti, raggiunge il 37% del totale della CO2 immessa nell’atmosfera ha un ruolo fondamentale per il clima mondiale.

“I sistemi alimentari rappresentano un’opportunità di mitigazione trascurata ma con molti vantaggi. Eliminare il consumo eccessivo di carne, migliorare le strutture di stoccaggio e ridurre gli sprechi alimentari fa bene alla nostra salute e migliora la sicurezza alimentare. Con esempi concreti di attività e obiettivi, questo rapporto fornisce una guida ai responsabili politici per integrare i sistemi alimentari nelle loro strategie nazionali sul clima”, ha affermato Charlotte Streck, cofondatrice e direttrice di Climate Focus.

Da queste parole si evince il ruolo fondamentale dell’agricoltura, che vede nel modello biologico, la migliore delle proposte per abbattere le emissioni, grazie a minore energia utilizzata per le produzioni e metodi di coltivazioni con minori emissioni di CO2. I suoli coltivati con questa tecnica sono anche in grado di catturare molto più carbonio, riducendo così la concentrazione di anidride carbonica.

Altro punto da tenere in considerazione è la riduzione degli sprechi alimentari e l’inizio di diete più sostenibili che prediligono alimenti d’origine vegetale rispetto a quelli animali che porterebbero a un taglio di 4,5 Gt CO2 all’anno,.
A fronte di tutti questi numeri vi poniamo un semplice dato: se l’Europa raggiungesse la quota del 20% di terreni d’agricoltura biologica  avremmo un abbattimento di 92 milioni di tonnellate di CO2 (più delle totali emissioni annue dell’Austria).

 

Fonte: cambialaterra.it

Foto di Anonimo da Pixabay 

I SINDACI DELLA VAL DI VARA CHIEDONO ALLA BELLANOVA INTERVENTI PER LA MONTAGNA

I SINDACI DELLA VAL DI VARA CHIEDONO ALLA BELLANOVA INTERVENTI PER LA MONTAGNA

La comunità della Val di Vara, in provincia di La Spezia, si trova a combattere contro l’abbandono della montagna, il dissesto idrogeologico e lo spopolamento. Gli stessi problemi che di fatto affliggono tutte le zone montane del Paese. Nonostante la carenza di risorse, in quest’area si è sempre riusciti a valorizzare uno splendido territorio puntando sul biologico e sulle produzioni locali.

In un incontro con i sindaci della valle, la Ministra Bellanova ha dichiarato che “questo Paese si salva se funziona nel suo insieme”, aggiungendo che bisogna ascoltare “la voce di chi sta al fronte e si misura con le difficoltà.

Rispetto a quest’ultima dichiarazione i sindaci sono tornati a chiedere all’unisono il ritorno alle Comunità Montane per dare maggiore respiro a questi territori che ogni giorno si devono scontrare con molteplici difficoltà.

Dopo la débacle della riforma delle Province e delle Unioni dei Comuni, i territori montani si trovano senza una linea comune, e chiedono tramite il sindaco Traversone maggiori interventi al Ministero delle Politiche Agricole, Agroalimentari e Forestali, soprattutto sul fronte dello snellimento delle pratiche burocratiche e maggiori aiuti ai Comuni montani per il rilancio del territorio. La Ministra Bellanova, nel corso del suo intervento ha dichiarato: «Dopo questi mesi difficili le aree interne sono tornate al centro. Ma occorre fornire a queste zone le stesse possibilità e gli stessi servizi. Stiamo lavorando incentivare il biologico, in percentuali ancora basse in Italia, sul modello del Green Deal voluto dall’Europa. È in corso di approvazione un provvedimento legislativo dedicato al sostegno della produzione biologica».

La Val di Vara è un territorio molto caro a Suolo e Salute – commenta Alessandro D’Elia, il direttore generale – infatti, fin dal 1998, ha creduto nel progetto di Maurizio Caranza, il compianto sindaco di Varese Ligure, l’amministratore illuminato che ha dato inizio alla creazione della “valle del biologico”. E’ stata una scelta etica e non certamente imprenditoriale aprire la sede di Suolo e Salute Liguria proprio a Varese Ligure. Oggi, grazie al profuso impegno, certifichiamo quasi il 90% delle aziende biologiche del territorio. Considerando che l’unico modo per evitare la chiusura di molte aziende agricole e quindi scongiurare l’abbandono del presidio del territorio è quello di aumentare la redditività delle imprese è massimizzare il più possibile il valore dei prodotti. Per questo credo fortemente nella certificazione biologica come strumento di valorizzazione economica e sociale di un territorio, soprattutto se ad “economia fragile” e appartenente ad aree marginali.

Fonte: ilsecoloxix