Suolo e Salute

Mese: Maggio 2021

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN AREA MEDITERRANEA, NASCE UN PROGETTO DEDICATO

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN AREA MEDITERRANEA, NASCE UN PROGETTO DEDICATO

Sebbene l’agricoltura biologica inizi ad essere una pratica diffusa, ci sono aree dove risulta ancora poco sviluppata; l’agricoltura intensiva e quella estensiva hanno la meglio, con un impatto nei suoli e sull’ambiente circostante fortemente invasivo.

Dall’idea che l’agricoltura a metodo biologico possa rappresentare una valida alternativa per preservare l’ambiente e al contempo facilitare il raggiungimento di una sicurezza alimentare, nasce un progetto che intende realizzare un sistema agroalimentare transfrontaliero, con il fine di sviluppare il settore dell’agricoltura biologica, in particolare nell’area mediterranea.

Si chiama Boosting cross border Organic Ecosystem through enhancing agro-food alliances, ed è un progetto internazionale finanziato dal Programma ENI CBC MED 2014-2020. Tra i suoi fondatori, vi sono circa una decina di partner, facenti parte dell’area interessata.

 

Tra questi: a capofila, il Ministero dell’Agricoltura della Giordania; il CIHEAM-Mediterranean Agronomic Institute di Bari; la Camera di Commercio di Zahle, in Libano; Innopolis – Centro per l’innovazione e la cultura di Leukimmi, in Grecia; ASCAME – Associazione per la Camera di commercio del Mediterraneo della Spagna; Synagri – Sindacato degli Agricoltori della Tunisia.

Le problematiche che rendono l’agricoltura biologica di difficile diffusione in questa parte del mondo, riguardano la mancanza di politiche mirate e l’assenza di riconoscimento del valore di questo tipo di pratica, da parte dei governi locali.

La capacità di innovazione in queste aree è piuttosto bassa e così la conoscenza di pratiche agricole che vanno nella direzione della sostenibilità.

Inoltre, le aziende agricole presenti in queste zone, fanno parte della categoria delle micro, piccole e medie imprese, talvolta a gestione familiare, realtà tra le quali è difficile che si crei un coordinamento.

Organic Ecosystem nasce come progetto mediatore, utile nell’offrire supporto tecnico e rendere queste problematiche meno ingombranti. Si pone tra gli obiettivi,  quello di integrare le imprese che vogliono tentare la strada dell’agricoltura biologica, agevolandole nelle relazioni tra loro e nell’inserimento all’interno del territorio di riferimento. Offre un servizio di assistenza tecnica gratuito, messo a disposizione di coloro che operano nel settore biologico nei paesi partner del progetto.

Scopo generale è quindi creare un ecosistema agroalimentare transfrontaliero che favorisca l’agricoltura di tipo biologico, che stabilisca nuove alleanze di tipo commerciale e offra sostegno alle PMI dell’area interessata.  

La speranza è che queste possano così migliorare i propri prodotti, a partire dalla qualità della loro coltivazione; mettendole successivamente nella condizione di poterli vendere, attraverso un accesso diretto all’interno del mercato internazionale.

Fonte: Rinnovabili

IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DA PAESI TERZI, UN NUOVO DM ABROGA IL PRECEDENTE

IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DA PAESI TERZI, UN NUOVO DM ABROGA IL PRECEDENTE

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, il nuovo Decreto Ministeriale 221907 del 13 maggio 2021, che abroga e sostituisce per intero il D.M. 91718 del 18 febbraio 2021 in merito alle disposizione sulle Importazioni di prodotti biologici da Paesi Terzi.

Il nuovo DM consta di 7 articoli e 2 allegati, contenenti indicazioni relative a:
– chi opera le importazioni, i cosiddetti Importatori che per effettuare il transito dei prodotti, devono essere iscritti nella categoria omonima dell’Elenco nazionale degli operatori biologici; la consegna ad un cosiddetto primo destinatario;
l’utilizzo del sistema informativo TRACES;  le comunicazioni preventive da trasmettere al Ministero in merito all’arrivo della merce;  la verifica e il controllo degli Importatori da parte degli Organismi appositi e le indicazioni in merito al campionamento obbligatorio delle partite importate.

Gli Allegati annessi al Decreto, forniscono i Criteri per la valutazione del rischio degli Importatori biologici e scendono nel merito di alcuni dettagli relativi al Campionamento obbligatorio delle partite importate.

Fonte: Sinab

REGIONE MARCHE: L’AGRICOLTURA BIO SARÀ UNO DEI PILASTRI POST PANDEMIA

REGIONE MARCHE: L’AGRICOLTURA BIO SARÀ UNO DEI PILASTRI POST PANDEMIA

Aggregare almeno la metà dei coltivatori bio già operativi sul territorio, con l’intento di creare un Distretto Unico Marche Bio. È questo il disegno legato al rilancio delle Marche post pandemia, scritto dalla Regione assieme alla Camera di commercio.

L’obiettivo è stato stimato raggiungibile in un triennio e punta a valorizzare la realtà marchigiana per l’incidenza delle attività biologiche fino ad ora già realizzate. Vicina a Trentino ed Emilia Romagna per densità di negozi e numero di ristoranti, con 257 agriturismi attivi di cui il 24% aziende biologiche, la regione, leader in Italia per quantità, punta a costruire una leadership europea.

La presidente di Coldiretti Maria Letizia Gardoni, racconta che il biologico nelle Marche è nato prima rispetto alle altre regioni, soprattutto a supporto delle aziende zootecniche, che seguivano la linea vacca-vitello. Queste realtà hanno sempre ignorato l’utilizzo di presidi chimici, sottolinea.

All’interno del territorio si contano oltre 55mila ettari di coltivazioni, tra colture foraggere e pascoli rispettosi del benessere animale. Ci sono inoltre 19 mila ettari di cereali, 6 mila di vigneti, 3 mila di oliveti, 2.900 di ortaggi, mille di frutteti e il ritorno della barbabietola da zucchero, coltivata su 605 ettari raddoppiati in tre anni.

Negli ultimi dieci anni si stima che, nel complesso, le Marche abbiano raddoppiato i propri numeri. Da 30 mila a 52 mila ettari, con un’incidenza sul totale della superficie agricola regionale cresciuta dall’11 al 22,2%.

Questi dati non possono non incoraggiare la costituzione di un Distretto Unico, che incontra un momento fuori dall’ordinario anche per le risorse. 45 sono i milioni stanziati dal biennio transitorio 2021-22, 111 milioni quelli relativi al periodo 2014-2020, 100 mila euro quelli che finanzierebbero la promozione.

La convinta adesione di oltre 600 operatori del settore fa il resto, assieme al coinvolgimento dell’Associazione Cluster Agrifood Marche, composta da quattro università e oltre 50 tra centri di ricerca, piccole e medie imprese e associazioni di categoria. Queste ultime chiamate a immaginare una spinta innovativa per l’intera filiera agroalimentare.

Coldiretti, con la sua partecipazione, sta favorendo uno snellimento della parte burocratica da non sottovalutare, aggiunge la Gardoni, essenziale ai fini della velocità e dell’organizzazione.

Il Distretto Unico, è la possibilità di presentarsi uniti e solidali, come terra d’Europa, dove la tradizione contadina va a braccetto ai borghi ricolmi di storia.
Questo avviene in un momento che precede la riapertura del bando regionale e che finanzierà il subentro in agricoltura di tantissimi giovani, che troveranno così un assetto territoriale diverso, dove coltivare i propri progetti e le proprie aspirazioni.

Fonte: Il sole 24 ore

MAGGIORE SLANCIO AL BIOLOGICO NAZIONALE: IL SENATO HA APPROVATO IL DDL

MAGGIORE SLANCIO AL BIOLOGICO NAZIONALE: IL SENATO HA APPROVATO IL DDL

Il 20 maggio 2021 il Senato ha approvato, con modifiche, il ddl n. 988, “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”. Il testo torna in discussione alla Camera dei deputati.

Con questa approvazione, nonostante le tante polemiche, si apre finalmente un nuovo scenario per l’agricoltura biologica. Con 195 voti a favore, uno contrario e uno astenuto, il disegno è quindi ora al vaglio della Camera in attesa dell’approvazione definitiva.

Un riconoscimento legislativo a lungo atteso, che giunge in un momento cruciale: i dati infatti, confermano una trasformazione del settore nei numeri e nelle modalità di produzione. Negli ultimi dieci anni le superfici coltivate a bio registrano un aumento del 79% e le aziende biologiche un incremento del 69%. Nel solo anno 2020 il mercato biologico ha raggiunto i 6,9 miliardi di euro, per un cambiamento su scala nazionale, che reclamava da tempo l’urgenza di una messa a sistema dal punto di vista normativo.

Il testo approvato si compone di 21 articoli: tra le azioni in gioco vi è l’istituzione di un Tavolo tecnico per la produzione bio; l’introduzione di un Piano nazionale per le sementi biologiche; l’istituzione di un marchio del biologico italiano; la creazione di bio-distretti; l’adozione di un Piano nazionale a sostegno dello sviluppo del biologico italiano come metodo avanzato dell’approccio agroecologico.

Uno degli intenti è quello di pianificare e attuare gli obiettivi del Green Deal europeo e nelle strategie di Farm to Fork e Biodiversità.

Tra le ultime integrazioni effettuate nel testo che aspetta approvazione da parte della Camera, vi è la delega attraverso l’articolo 19 per emanare uno o più decreti legislativi e per “procedere a una revisione della normativa in materia di armonizzazione e razionalizzazione sui controlli”.

Uno sviluppo che sembra tracciare la possibilità di una vera e propria conversione al metodo biologico, a partire dall’attivazione di alcuni strumenti già noti ma mai legittimati nel loro funzionamento.

Commenta così Alessandro D’Elia, direttore generale di Suolo e Salute: “Questa agognata approvazione consentirà di aprire nuovi scenari per la crescita dell’agricoltura biologica italiana. Le nuove disposizioni saranno uno strumento validissimo per progettare il futuro del settore, per mantenere il passo con gli obiettivi europei del Green Deal e per aumentare la competitività delle nostre imprese bio. Le polemiche sterili e le critiche di questi giorni, indirizzate soprattutto all’agricoltura biodinamica, le lasciamo ai possessori dell’ampollina della scienza.

Fonte: Lifegate, Il Fatto quotidiano

IL MERCATO BIOLOGICO NEL MONDO: UNA PANORAMICA TRA I VARI PAESI

IL MERCATO BIOLOGICO NEL MONDO: UNA PANORAMICA TRA I VARI PAESI

L’ampiezza delle superfici coltivate a bio nel mondo va espandendosi a vista d’occhio. Si stima che dal 2009 al 2019 siano aumentate del 102%, con una domanda dei prodotti direttamente proporzionale all’incremento delle aree coltivate, corrispondente in termini economici ai 100 miliardi di euro circa.

Poiché in Italia il settore è in forte sviluppo per le realtà imprenditoriali è stata creata ITABIO, una piattaforma a supporto dello sviluppo strategico del biologico italiano sui mercati internazionali.

Dai dati presentati attraverso ITABIO, in testa alla classifica dei 10 paesi con la spesa pro-capite bio più alta, c’è la Danimarca, con ben 344 euro a persona investiti in prodotti di tipo biologico. È seguita dalla Svizzera, dal Lussemburgo (265 euro), dall’Austria e dalla Svezia (215 euro). Gli Stati Uniti sono all’ottavo posto e l’Italia non rientra nei primi 10, conta però una spesa pro-capite di 60 euro a persona, cresciuta notevolmente negli ultimi dieci anni.

Da un altro estratto della piattaforma, tra i maggiori paesi acquirenti di prodotti alimentari biologici, risultano esserci gli Stati Uniti con una quota di 45 miliardi di euro. Di seguito Germania e Francia con 12 e 11 miliardi di euro, subito dopo la Cina e a seguire l’Italia con circa 4 miliardi di euro.

Se analizziamo da vicino il caso della Germania, quasi un consumatore su due afferma di acquistare abitualmente prodotto bio. L’acquirente tedesco medio, consuma in genere frutta, verdura e uova al 66% (dato relativo al 2019); patate (56%); prodotti lattiero caseari (51%); pane e carne (41%). L’acquisto viene effettuato nella maggior parte dei casi (88%) al supermercato, in misura meno frequente al mercato (61%).

La nazione compare al secondo posto per import agroalimentare e al settimo per spesa pro-capite di prodotti biologici. Inoltre, dal punto di vista strategico, rappresenta uno dei mercati più interessanti per quanto riguarda il bio Made in Italy.

Un altro caso europeo meritevole di interesse è quello della Francia: al terzo posto nella graduatoria dell’import agroalimentare, subito dietro la Germania per spesa pro-capite (triplicata dal 2010).

Tra i prodotti più acquistati dai francesi vi sono frutta e legumi (80%); latticini e derivati (71%); uova (65%); olio, pasta e riso (52%) e bevande, acquistati prevalentemente nei supermercati.

Se ci spostiamo oltre l’Europa e rivolgiamo per un attimo l’attenzione alle due grandi potenze mondiali Stati Uniti e Cina, ci accorgiamo essere entrambe mercati trainanti per quanto riguarda il bio Made in Italy.

Ammonta infatti a 5 miliardi di euro la stima di importazione del Food and Beverage italiani negli Stati Uniti nel 2020 e rappresentano per l’Italia, il secondo mercato di destinazione dell’agroalimentare.

Per quanto riguarda la Cina, tra il 2015 e il 2019, il settore biologico ha riscontrato un incremento delle vendite del 70% in più, di cui l’8% realizzato a livello mondiale.

Fonte: Agricultura

GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA: DUE WEBINAR DEDICATI AL MONDO BIO E ALLA VENDITA IN QUESTO AMBITO, IN PROGRAMMA IL 20 MAGGIO 2021

GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA: DUE WEBINAR DEDICATI AL MONDO BIO E ALLA VENDITA IN QUESTO AMBITO, IN PROGRAMMA IL 20 MAGGIO 2021

Avrà inizio Giovedì 20 maggio dalle ore 11 il doppio appuntamento digitale programmato da Veronafiere sul tema della Grande distribuzione organizzata.
Una serie di webinar preludio al Vinitaly Special Edition del 17-19 ottobre e a B/Open del 9-10 novembre, entrambi accolti dal vivo presso Veronafiere e dedicati alla centralità che la grande distribuzione organizzata ha assunto negli ultimi 14 mesi all’interno del mercato legato al biologico.

Il primo webinar nell’ambito di B/Open, in programma per le ore 11, si intitola: “Biologico e sostenibilità: insieme nella Gdo” e intende approfondire il legame sempre più stretto esistente tra biologico e sostenibilità nel contesto della grande distribuzione; contesto che li congiunge attraverso lo strumento del layout, nell’offerta dei prodotti organic e nella comunicazione e promozione.

L’appuntamento sarà moderato da Cristina Lazzati, direttrice e responsabile Mark up e Gdoweek e vedrà l’intervento di alcuni dirigenti tra cui Mario la Viola per CRAI, Dominga Fragassi per PAM, Nicola Tarricone per DESPAR e altri.

Questo webinar nasce nell’ambito del progetto “It’s Organic”, co-finanziato dall’Unione Europea e finalizzato alla promozione del prodotto biologico – presentato da Organic Link e Polska Ekologia -.

Il secondo webinar intitolato: “Il vino nella grande distribuzione tra riaperture e ripartenza dell’economia”, si terrà alle ore 12.

Partendo dal dato secondo cui la chiusura del canale Horeca (rappresentato da bar, ristoranti, ecc.) ha canalizzato le vendite di vino nella grande distribuzione – sono infatti aumentate del 6% nei mesi di marzo e aprile 2020 -, raggiungendo gli 800 milioni di litri secondo il panel IRI Gdo+Discount+piattaforma online.
Il webinar indagherà il futuro dei prossimi mesi per questo tipo di mercato, cercando di comprendere come dovranno comportarsi le cantine interessate a inserirsi nel segmento della Gdo o che sceglieranno la multicanalità Gdo e Horeca.

Tra i relatori interverranno: Virgilio Romano di IRI, Alessandro Masetti responsabile Grocery di Coop Italia, Gianmaria Polti responsabile Beverage di Carrefour Italia, Mirko Baggio, responsabile vendite Gdo Italia di Villa Sandi Spa per Federvini  e altri.

È possibile registrarsi al webinar delle ore 11, collegandosi al link seguente: https://www.b-opentrade.com/webinar/biologico-e-sostenibilita-insieme-nella-gdo/ ;

È possibile registrarsi al webinar delle ore 12, collegandosi al link seguente: https://www.vinitaly.com/it/webinar-gdo?utm_source=comunicatostampa&utm_medium=email&utm_campaign=partecipa  .

 

Fonte: B/Open trade