Suolo e Salute

Category: Altre certificazioni

Approvato decreto per l’agricoltura: in primo piano Xylella, ulivi e quote latte

È stato approvato in Consiglio dei Ministri, lo scorso 29 aprile, il decreto legge urgente per il rilancio dei settori agricoli in crisi, il sostegno delle imprese agricole colpite da eventi di carattere eccezionale e la razionalizzazione delle strutture ministeriali.

Il decreto è stato varato all’indomani delle misure restrittive adottate da Bruxelles in merito all’emergenza ulivi in Salento. All’interno della legge, una sezione specifica che contiene misure per l’accesso al fondo di solidarietà nazionale per le imprese agricole che hanno subito danni a causa delle alluvioni del 2014 e delle infezioni da organismi nocivi, come la Xylella.

Tra le novità adottate, un gruppo di disposizioni che riguarda interventi urgenti sulla gestione delle quote latte e il recepimento della normativa comunitaria per il pagamento della multa dell’ultima campagna lattiera in tre anni e senza interessi. Le principali sezioni riguardano:

  • l’attuazione della rateizzazione in 3 anni senza interessi per le multe dell’ultima campagna;
  • la compensazione quote ultima campagna;
  • contratti di vendita scritti e con durata minima di un anno;
  • creazione dell’Interprofessione del latte per organizzare la filiera;
  • rafforzamento del contrasto alle pratiche sleali di mercato con segnalazioni all’Antitrust.

agricoltura-italia

 

 

 

 

 

 

 

 

Oltre a questi interventi, come abbiamo spiegato all’inizio del nostro articolo, il decreto contiene dei provvedimenti pensati per far fronte all’epidemia di Xylella fastidiosa che sta colpendo gli ulivi del Salento.

La strategia nazionale si articola in diversi punti. Il primo è l’attivazione del Fondo di solidarietà nazionale per la gestione dell’emergenza. La Regione Puglia avrà 60 giorni di tempo per presentare la propria domanda, corredata da una stima dei danni, e poter così accedere al Fondo.

Il secondo punto è lo stanziamento di una dotazione supplementare ad hoc di 11 milioni di euro destinata proprio a indennizzare i produttori e i vivaisti pugliesi danneggiati dall’emergenza fitosanitaria.

Come ha commentato il ministro per le Politiche agricole, Maurizio Martina: “Facciamo fronte alle esigenze degli agricoltori e dei vivaisti colpiti dalla Xylella in Puglia con la deroga per l’attivazione del Fondo di solidarietà nazionale e con un primo stanziamento di 11 milioni di euro per i danni subiti. Sono soddisfatto perché abbiamo mantenuto gli impegni presi confermando come l’attenzione del Governo per l’agroalimentare resti alta e consenta di affrontare passaggi difficili con la giusta determinazione“.

Previsto anche un piano olivicolo nazionale che prevede una dotazione di 20 milioni di euro per il triennio 2015-2017. Questo intervento fa parte di una più ampia azione operativa che prevede un coordinamento con le Regioni per far leva sui fondi europei dei Psr e punta a un rafforzamento strutturale del settore finalizzato al raggiungimento, nei prossimi 5 anni, di una produzione di 650mila tonnellate, con un recupero, rispetto a oggi, del 25%.

Per quanto riguarda i territori colpiti da avversità atmosferiche negli anni 2014 e 2015, è stata prevista una proroga dei termini per accedere agli interventi e favorire la ripresa dell’attività economica e produttiva. Tutte le Regioni interessate, come ad esempio Toscana, Puglia e Liguria, in deroga ai termini stabiliti dal decreto legislativo 102/2004, possono deliberare la proposta di declaratoria di eccezionalità degli eventi atmosferici, entro sessanta giorni dall’entrata in vigore del decreto.

Fonti:

https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/8608

http://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2015-04-30/per-xylella-attivato-fondo-solidarieta-063737.shtml?uuid=ABrT8IYD

A Roma un Workshop sulla filiera delle piante officinali

E’ in pogramma domani 17 luglio a Roma presso l’Auditorium Biagio D’Alba del Ministero della Salute, in Via G. Ribotta, 5, il Workshop “Piano di settore, Osservatorio Economico e dati statistici della filiera delle piante officinali”.
Il workshop costituisce il momento conclusivo di una serie di studi e ricerche riguardanti la filiera delle piante officinali realizzato con lo scopo di fornire a tutti gli operatori del settore una serie di indirizzi utili per orientare l’attività economica e produttiva del comparto. L’Osservatorio Economico delle Piante officinali è nato proprio con l’obiettivo di costituire un utile punto di riferimento per le realtà che si affacciano a questa produzione e si propone anche per il futuro come un utile strumento per supportare gli operatori nella fase dell’internazionalizzazione.
Gli esiti del progetto hanno portato alla realizzazione di un Piano di Settore che traccia le principali linee di intervento per la valorizzazione e lo sviluppo migliori delle produzioni nazionali.
L’incontro, dopo i saluti delle Istituzioni, si articolerà in due parti, entrambe previste nel corso della mattinata: nel corso della prima parte del Workshop, saranno descritta l’attività dell’osservatorio, le caratteristiche principali delle aziende della filiera, il mercato delle piante officinali e, per voce del Presidente FederBio Carnemolla, la specifica realtà del settore biologico). Nella seconda sessione saranno invece indagate in dettaglio le azioni del piano di settore.
Il programma completo è consultabile a questo link.

Parte dalla Thailandia il tour di promozione del Made in Italy

A partire dal 23 maggio prossimo si terrà a Bankok, in Thailandia, “Thaifex”, la più importante fiera tailandese nel settore agroalimentare. In occasione dell’evento, verrà presentato il progetto dedicato alla certificazione di qualità dei prodotti biologici e delle certificazioni religiose Halal e Kosher quali leve di marketing per promuovere le eccellenze alimentari del Made in Italy e rafforzare la competitività del sistema produttivo nazionale.

Il progetto, promosso dal Ministero dello sviluppo economico in collaborazione con FederBio e Federalimenare, fa parte di una più ampia strategia di valorizzazione ed internazionalizzazione del Made in Italy, e rientra nelle azioni in  programma per incentivare la diffusione delle certificazioni agroalimentari presso le aziende italiane.

Il progetto si avvale tra gli altri del supporto di Fiere di Parma e del contributo dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e del Centro Islamico Culturale d’Italia.

Dopo la partecipazione al Thaifex, la presentazione del progetto interessera altri importanti appuntamenti del settore agroalimentare: a fine giugno Sial Brasil (San Paolo del Brasile), quindi dal 20 giugno al 2 luglio il Summer Fancy Food a New York, USA; nella seconda metà di luglio sarà la volta di un workshop dedicato a Mosca, Russia, per finire il 29 e 30 ottobre con la Kosherfest Secaucus sempre nella Grande Mela.

Gli eventi comprendono seminari informativi in occasione delle principali manifestazioni leader di settore e azioni di market/store check in altri Paesi potenziali target per questo genere di certificazioni.

Ulteriori informazioni sui Workshop mondo possono essere ottenute a questo link

Maggiori informazioni sul progetto si possono ottenere invece visitando il sito.

Il 2 maggio un seminario sulle certificazioni religiose

E’ in programma il 2 maggio prossimo presso Unindustria a Napoli il seminario informativo gratuito dedicato alle certificazioni religiose Halal e Kosher. L’iniziativa, promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico, rientra nel novero delle azioni e strategie di valorizzazione ed internazionalizzazione del Made in Italy ed è realizzata in collaborazione con FederBio e Federalimentare, con il supporto tecnico di Fiere di Parma e il contributo culturale e scientifico di Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e Centro Islamico Culturale d’Italia.
Il progetto si pone l’obiettivo di diffondere in particolare la certificazione di qualità dei prodotti biologici e delle certificazioni religiose Halal e Kosher, intese come leve di marketing e validi strumenti per la promozione e la protezione delle eccellenze alimentari del Made in Italy e il rafforzamento della competitività del sistema produttivo nazionale nei mercati esteri.
L’appuntamento del 2 maggio fa parte di una più ampia serie di seminari informativi in programma nei prossimi mesi. Partecipando all’incontro, le aziende potranno ascoltare esperti di settore che illustreranno caratteristiche, tecniche e potenzialità commerciali offerte da questo tipo di certificazione.
Per iscrizioni e ulteriori informazion è possibile inviare una mail all’indirizzo e.cattabiani@fiereparma.it (fax 0521 996340), oppure rivolgersi ai referentidi FederBio (Luisa Colombo, tel. 051 4210272- cell. 3939316043) o di Federalimentare (Giovanni Delle Donne, tel. 06 5903343).
Fonte: FederBio