Suolo e Salute

Tag Archives: Confagricoltura

Emilia Romagna: crescono le superfici coltivate con cereali biologici

Nell’ultimo anno, in Emilia Romagna, la superficie agricola coltivata con il metodo biologico è cresciuta del 9,8%; il 2% è occupata da cereali biologici. A ricordarlo in una nota Paolo Parisini, presidente della Sezione biologica di Confagricoltura Emilia Romagna.

La domanda crescente di farine di grano tenero, anche per la preparazione del pane in casa, ha fatto lievitare i prezzi alla produzione: da 370 a 410 euro/ton nel periodo marzo 2015-marzo 2016. Forte richiesta di grani antichi quali, il Gentil rosso ed il Marzuolo del Cimone”, spiega Parisini.

I dati a cui si riferisce il presidente della Sezione biologica di Confagricoltura sono quelli contenuti nel rapporto “Bio in cifre 2015” redatto dal Sinab, il Sistema di informazione nazionale sull’agricoltura biologica.

Non solo. Il rapporto rende noto che in Emilia Romagna sono circa 40.279 gli ettari complessivi di colture foraggere (incluse quelle destinate agli allevamenti di bovini da latte per la produzione di Parmigiano Reggiano); 12.800 ettari di cereali; 2.500 ettari di orticole e 2.300 ettari di colture frutticole. Oltre a 1.200 ettari coltivati a noce e nocciolo e 2.600 ettari di viti biologiche e biodinamiche.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le domande di conversione al biologico, inoltre, sono aumentate in Regione del 25%, grazie anche agli incentivi offerti dal nuovo Programma di Sviluppo Rurale 2014-220. Il tutto in un anno durante il quale il numero dei produttori è passato da 2.700 a 3.300.

Numeri importanti che, però, devono essere accompagnati da interventi concreti che permettano una crescita costante del settore. Ne è convinta Confagricoltura Emilia Romagna, che evidenzia la necessità di puntare all’alta specializzazione dei terreni vocati.

Soprattutto la zootecnica è limitata dalla scarsa disponibilità di alimenti proteici e per favorire il reale incremento delle stalle bio, bisogna creare fin d’ora tutti i presupposti affinché tali allevamenti possano essere autosufficienti nell’alimentazione degli animali, arrivando fino al 100% di alimenti autoprodotti”, precisa Parisini.

Fonti:

http://www.ansa.it/emiliaromagna/notizie/ortofrutta/2016/03/21/confagricoltura-e-r-98-superficie-bio-nellultimo-anno_c5746362-fe4d-43a5-8473-beb97f1cd312.html

http://www.confagricoltura.org/blog/2016/03/21/cereali-bio-balzo-dei-prezzi-alla-produzione-della-superficie-agricola-emilia-romagna/

Embargo Russo: il Made in Italy perde 244 milioni di euro di export

L’embargo russo sui prodotti agroalimentari è costato all’Italia 244 milioni di euro lo scorso anno. È quanto emerge dalle stime fatte dal centro studi di Confagricoltura, secondo cui “il nostro paese, in seguito al divieto introdotto, ha subito una pesante riduzione delle esportazioni, che fra il 2009 e il 2013 avevano segnato in valore un aumento del 119% e che, nel 2015, si sono dimezzate (-244 milioni) rispetto al 2013“.

A subire le flessioni più gravi sono stati il comparto della frutta (-56,9 milioni di euro), di carni e frattaglie (-44,2 milioni), formaggi e latticini (-41,7 milioni); perdite che a livello percentuale si traducono così: ortaggi -98,9%, frutta -94,5%, formaggi e latticini -93,6%, carni e frattaglie -88,4%.

L’embargo russo, lo ricordiamo, è stato istituito dalla Federazione Russa il 7 agosto 2014 e rinnovato per un ulteriore anno con decreto del 25 giugno 2015 (nuova scadenza 5 agosto 2016). Il divieto di importazione ha riguardato molti prodotti agroalimentari provenienti da Ue, Usa, Canada, Norvegia e Australia.

embargo russo3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Confagricoltura spiega che la Russia “rappresentava per l’Italia un importante mercato di sbocco per i prodotti agricoli e agroalimentari. Il valore dell’export agroalimentare (bevande escluse) era più che raddoppiato negli ultimi anni, fino a raggiungere nel 2013 (ultimo anno prima dell’embargo) i 485 milioni di euro“.

Numeri importanti a cui la Commissione Europea sta cercando di far fronte lavorando per normalizzare le relazioni commerciali con la Russia, così come il Governo italiano si sta adoperando per evitare il prolungamento delle sanzioni, come spiega l’europarlamentare Paolo De Castro.

Le quote di mercato che solo fino a qualche anno fa appartenevano ai nostri prodotti sono – continua De Castro – già state conquistate da merce falsa o da altri paesi. L’auspicio è che i tentativi dell’esecutivo Ue vadano a buon fine e vengano ripristinati quanto prima i rapporti commerciali preesistenti”.

A pagare il prezzo più alto sono gli agricoltori emiliano-romagnoli“, ha commentato il presidente di Confagricoltura regionale Gianni Tosi, secondo cui “sono stati penalizzati soprattutto i produttori di ortofrutta, carni fresche e surgelate, salumi, insaccati e formaggi, incluse le specialità Dop e Igp dell’Emilia Romagna, che sono l’emblema del made in Italy agroalimentare nel mondo”.

Fonti:

http://confagricoltura.sardegna.it/news-ticker/embargo-russo-confagri-nel-2015-danni-per-244-mln-male-formaggi-42-mln-e-ortofrutta-2858

http://www.askanews.it/nuova-europa/russia-confagri-embargo-alimentari-costa-a-italia-244-milioni_711727719.htm

http://agronotizie.imagelinenetwork.com/agricoltura-economia-politica/2016/02/08/embargo-russo-244-milioni-di-euro-in-meno-per-l-export-made-in-italy-nel-2015/47373