Suolo e Salute

Mese: Luglio 2017

Fondo latte, Mipaaf: “25 milioni di euro per gli allevatori”

Il Mipaaf, il ministero per le politiche agricole alimentari, ha reso noto attraverso una nota stampa che il budget di 25 milioni di euro stanziato per il cosiddetto Fondo Latte, sarà destinato agli allevatori che hanno presentato le 5667 domande tramite Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare).

La misura prevedeva per gli allevatori un contributo sugli importi degli interessi passivi pagati sui mutui legati alla loro attività. Un contributo che è arrivato, secondo il ministero, attraverso una forte semplificazione della procedura per la nuova annualità.

Si tratta di una novità essenziale che taglia la burocrazia e va incontro alle esigenze delle aziende, anche del settore suinicolo”, scrivono dal Mipaaf.

Fondo latte: le agevolazioni del Mipaaf

I contributi del ministero potevano essere richiesti dalle imprese di allevatori con riguardo a determinati finanziamenti bancari. Imprese che prevedessero la produzione di latte bovino e che risultassero in regola con i pagamenti dei prelievi sulle eccedenze di produzione lattiera.

I finanziamenti coperti dalla misura, potevano avere una o più finalità: investimenti finanziati con prestiti a medio e lungo termine a valere sul Fondo Credito;consolidamento di passività a breve della stessa banca;consolidamento di passività a breve di banche diverse rispetto alla banca finanziatrice; pagamento dei debiti commerciali a breve.

Previsto il caso in cui, infine, il contributo fosse stato concesso al fine di coprire gli interessi passivi. In questo caso, la concessione era stata subordinata alla presentazione di un’attestazione da parte della banca erogatrice del mutuo. Un documento, cioè, che riportasse estremi del finanziamento e il dettaglio degli importi per interessi corrisposti nel biennio 2015-2016. Con riferimento a quest’ultima possibilità, il contributo era stato concesso anche ad aziende del comparto suinicolo.

Mipaaf, la soddisfazione del ministro Martina

Il titolare del Mipaaf Maurizio Martina ha espresso soddisfazione sull’erogazione dei fondi. Soprattutto perché questi sono stati utilizzati per intero:

«Siamo molto soddisfatti per l’utilizzo al 100% dei fondi che abbiamo stanziato per contribuire a tutelare il reddito degli allevatori davanti a una fase di crisi come quella dello scorso anno. Le semplificazioni introdotte nell’accesso al Fondo latte hanno consentito a oltre 5600 aziende di accedere ai 25 milioni di euro messi a disposizione. Uno strumento che fa parte della nostra strategia a favore della zootecnia con interventi coordinati come il taglio delle tasse, l’aumento delle compensazioni IVA, la sperimentazione dell’origine in etichetta per i prodotti lattiero caseari. I segnali positivi sul fronte del prezzo del latte ci dicono che la strada intrapresa è giusta, ma dobbiamo proseguire ancora per rilanciare un settore cruciale per l’economia di tanti nostri territori».

FONTE:

https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/11465

Ortofrutta, ritiri di mercato per surplus produttivi: il Mipaaf diffonde i nuovi massimali

Il Ministero delle Politiche agricole ha emanato la circolare numero 3.800 relativa ai ritiri di prodotti ortofrutticoli dal mercato.

Nella comunicazione, sono stati elencati i nuovi importi dei massimali per i prodotti ortofrutticoli ritirati dal mercato, non raccolti o raccolti anticipatamente. La circolare è stata emessa in seguito all’approvazionedel regolamento delegato 2017/891, che ha aggiornato gli importi di tali massimali.

Per ritiri dal mercato, mancata raccolta e raccolta in verde, leggiamo nella comunicazione, sono state stilate due tabelle distinte:

  1. Tabella a) con i “Prodotti elencati nell’allegato IV del regolamento” delegato citato
  2. Tabella b) per i “Prodotti non elencati nell’allegato IV del regolamento”

Ritiri di prodotti ortofrutticoli: 22 tipologie

Complessivamente, le due tabelle elencano 22 tipologie di prodotti ortofrutticoli che possono essere ritirati dal mercato, non raccolti o raccolti anticipatamente, in seguito a crisi di mercato conclamate. Crisi provocate da surplus produttivi.

Sono due i criteri, definiti dall’articolo 45 del regolamento delegato, secondo cui sono stati stabiliti i massimali per i ritiri:

  • Per i prodotti per cui sono disponibili gli storici dei prezzi secondo quanto rilevato giornalmente da ISMEA, sono state adottate le percentuali del 40 e del 30% della media nazionale dei prezzi per gli anni dal 2012 al 2016;
  • Per i prodotti per cui non sono disponibili le rilevazioni quotidiane ISMEA sono state invece adottate le percentuali di 40 e 30%, secondo le analisi settimanali dell’Istituto per gli anni dal 2012 al 2016, “aumentate del 35% (del 25% per il solo Kaki), al fine di compensare parzialmente il divario dei valori dovuti al diverso stadio di rilevazione”. Rientrano in questa seconda categoria i ritiri di broccoli, carciofi, fagiolini, finocchi, indivie ricce e scarole, spinaci e kaki.

Nel caso di prodotti ortofrutticoli non riportati nella tabella b) della circolare, l’importo dei massimali potrà essere stabilito dalle Regioni, seguendo gli stessi criteri adottati dalla circolare Mipaaf.

Tabella a) – Prodotti elencati nell’allegato IV del regolamento sui massimali per i ritiri di prodotti ortofrutticoli

PRODOTTO A

Massimale di sostegno per i ritiri dal mercato (€/100 Kg)

B

Sostegno per la mancata raccolta e la raccolta verde (€/ha)

Distribuzione gratuita Altre destinazioni Rese qli/ha

(media 2012/16)

Importo/ha (resa media per sostegno “altre destinazioni”) Massimale dell’aiuto (90% – art. 48 par. 4)
Cavolfiori 21,05 15,79 253,16 3.997,33 3.597,60
Pomodori in pieno campo

01/06 – 31/10

7,25 7,25 305,50 2.214,88 1.993,39
Pomodori in serra

01/06 – 31/10

7,25 7,25 725,31 5.258,52 4.732,66
Pomodori in serra

01/11 – 31/06

33,96 25,48 725,31 18.480,96 16.632,87
Mele 24,16 18,11
Uva da Tavola 53,52 40,14
Albicocche 64,18 48,14
Nettarine 37,82 28,37
Pesche 37,32 27,99
Pere 33,96 25,47
Melanzane in pieno campo 31,20 23,41 275,80 6.456,42 5.810,78
Melanzane in serra 31,20 23,41 521,21 12.201,53 10.981,38
Meloni in pieno campo 48,10 36,07 237,57 8.569,11 7.712,20
Meloni in serra 48,10 36,07 335,18 12.089,81 10.880,83
Angurie 9,76 7,31 434,69 3.177,61 2.859,85
Arance 21,00 21,00
Mandarini 25,82 19,50
Clementine 32,38 24,28
Mandarini Satsuma 25,56 19,50
Limoni 29,98 22,48

 

Tabella b) – Prodotti non elencati nell’allegato IV del regolamento sui massimali per i ritiri di prodotti ortofrutticoli

PRODOTTO A

Massimale di sostegno per i ritiri dal mercato (€/100 Kg)

B

Sostegno per la mancata raccolta e la raccolta verde (€/ha)

Distribuzione gratuita Altre destinazioni Rese qli/ha

(media 2012/16)

Importo/ha (resa media per sostegno “altre destinazioni”) Massimale dell’aiuto (90% – art. 48 par. 4)
Broccoli 11,64 8,73 253,16 2.210,05 1.989,05
Carciofi 56,60 42,45
Carote 23,16 17,37 466,64 8.105,50 7.294,95
Cetrioli in pieno campo 21,28 15,96 172,57 2.754,24 2.478,82
Cetrioli in serra 21,28 15,96 619,42 9.885,89 8.897,30
Cipolla 15,20 11,40 333,39 3.800,63 3.420,56
Ciliegie 168,57 126,43
Fagiolini 65,17 48,87
Finocchi 17,29 12,97 268,21 3.478,74 3.130,87
Fragole in pieno campo 99,14 74,36 179,12 13.319,09 11.987,18
Fragole in serra 99,14 74,36 338,76 25.190,04 22.671,04
Indivie ricce e scarole in pieno campo 15,63 11,72 233,33 2.734,67 2.461,21
Lattuga in pieno campo 26,17 19,63 222,32 4.364,16 3.927,74
Lattuga in serra 26,17 19,63 349,93 6.869,03 6.182,13
Kaki 24,92 18,69
Kiwi 42,34 31,76
Peperoni in pieno campo 31,63 23,72 218,52 5.188,31 4.664,98
Peperoni in serra 31,63 23,72 417,71 9.908,20 8.917,38
Spinaci 35,93 26,95 140,08 3.775,05 3.397,54
Susine 36,24 27,18
Zucchine in pieno campo 35,62 26,71 247,47 6.610,04 5.949,03
Zucchine in serra 35,62 26,71 470,16 12.558,07 11.302,26

 

FONTI:

https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/11473

http://www.italiafruit.net/DettaglioNews/40302/in-primo-piano/ecco-i-nuovi-sostegni-per-i-ritiri-di-mercato

Vino biologico: una festa a Roma per celebrare il Made in Italy

Appuntamento a Roma con il vino biologico Made in Italy.

Nomisma Wine Monitor e Agenzia ITA danno appuntamento al settore del vino bio per il prossimo 18 luglio, a partire dalle ore 10:30. Lo scenario che accoglierà il “Vino Bio Day” – questo il titolo dell’evento – sarà la Sala Pirelli ICE, in via Liszt 21.

L’incontro sarà l’occasione per favorire una riflessione sul ruolo e le opportunità del vino biologico Made in Italy sui mercati esteri. In particolare, durante il convegno “saranno approfondite le opportunità e i percorsi di promozione del vino con un focus in particolare su Germania e Regno Unito e saranno presentate alcune case history di successo”, spiegano gli organizzatori in una nota.

Ecco tutti i dettagli sul programma e i relatori dell’evento.

Il Vino Biologico Made in Italy nel mondo: appuntamento a Roma

Vino Bio Day – Ruolo e opportunità del vino bio Made in Italy sui mercati esteri”, questo il titolo completo del convegno romano organizzato da Nomisma e Agenzia ITA.

A partire dalle 10:30 si apriranno le registrazioni dei partecipanti con un caffè di benvenuto. I saluti introduttivi saranno affidati a Piergiorgio Borgogelli, direttore di ICE-Agenzia, e a Maria Ines Aronadio, dirigente dell’Ufficio Agroalimentare e Vini di ICE-Agenzia.

Si entrerà poi nel vivo dell’appuntamento con tre interventi da parte di specialisti del settore:

  • Dimensione e posizionamento del vino biologico italiano sui mercati internazionali”, focus illustrato da Silvia Zucconi di Wine Monitor Nomisma
  • Vino Bio: cosa ne pensa il consumatore?”, a cura di Evita Gandini di Wine Monitor Nomisma
  • Opportunità e percorsi di promozione del vino bio italiano – Focus su Germania e Regno Unito

Sarà poi la volta di Silvano Brescianini, vicepresidente dell’azienda Barone Pizzini, che illustrerà la storia della sua impresa come case history di successo nel comparto biologico del vino.

Chiuderanno i lavori Lamberto Frescobaldi, Vice Presidente di UIV, e Paolo Carnemolla, Presidente di Federbio.

A moderare il convegno, Lorenzo Tosi di Vigne e vini.

Vino biologico italiano: un mercato in crescita

Proprio Nomisma con il suo Wine Monitor contribuisce a realizzare, ogni anno, la fotografia del vino bio Made in Italy. E non solo.

Secondo gli ultimi rilevamenti, tra il 2004 e il 2015, il numero di viticoltori che abbracciano il biologico è cresciuto del 295% in Europa e del 280% nel mondo. Il Vecchio Continente, in particolare, detiene l’88% del totale globale della superficie vitata bio, pari a 293mila ettari. E l’Italia è il Paese con la maggiore incidenza sul totale della vite coltivata con tecniche bio: 11,9% del totale.

Una vivacità sul lato della domanda che corrisponde all’attenzione crescente dei consumatori. Rispetto all’anno precedente, nel 2016 le vendite di vino biologico Made in Italy hanno fatto registrare una crescita del 53%. Il 25% della popolazione italiana tra i 18 e i 65 anni (12 milioni di persone) ha consumato almeno una volta vino bio nel corso dei 12 mesi precedenti alla rilevazione.

 

Per partecipare al convegno Vino Bio Day è necessario iscriversi attraverso l’apposito form al link: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdabbyTuo1u1i0PP3wzP5NvKGm5R3eG0Sb58UJc0qtEkADftA/viewform

FONTI:

http://www.feder.bio/agenda.php?nid=1196

http://www.nomisma.it/index.php/it/press-area/news/item/1580-18-luglio-2017-vino-bio-day/1580-18-luglio-2017-vino-bio-day

PSR Molise: prorogati i termini per aderire al “Pacchetto Giovani”

Slitta ancora la scadenza del bando “Pacchetto Giovani” inserito all’interno del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della regione Molise.

Per partecipare al programma, destinato al ricambio generazionale delle aziende agricole, ci sarà tempo fino al prossimo 15 luglio. Vediamo tutte le novità e altri due bandi nell’ambito del PSR Molise.

PSR Molise: il “Pacchetto Giovani”

Con la determinazione direttoriale n.96 del 30 maggio scorso, la regione Molise ha nuovamente prorogato i termini del bando “Pacchetto Giovani”, che rientra nel PSR 2014-2020. Per accedere al I step del programma è ora possibile presentare le domande fino al 15 luglio 2017. Il II step si chiuderà invece il 15 novembre prossimo.

L’obiettivo principale del Pacchetto è di “favorire il ricambio generazionale nel settore agricolo”, leggiamo in un comunicato diffuso dalla regione. Il bando è strutturato “secondo una logica di progettazione integrata che consente ai beneficiari di ottenere un incentivo per l’insediamento in aziende agricole e un contributo per la realizzazione di un piano di investimenti”.

Gli investimenti previsti sono collegati all’attivazione contestuale di due misure del PSR Molise 2014-2020: la misura 4.1 e la misura 6.1.

PSR Molise: le sottomisure 4.1 e 6

Ulteriori novità arrivano dal Programma di Sviluppo Rurale molisano, con riferimento alle sottomisure 4.1, 6.2, 6.4 e agli interventi 6.4.1. e 6.4.2.

La determinazione direttoriale 104 del 13 giugno 2017 ha visto la pubblicazione della seconda edizione del bando relativo alla Sottomisura 4.1. L’avviso riguarda il “Sostegno a investimenti nelle aziende agricole”. Il provvedimento ha fissato al 14 luglio prossimo la scadenza per la presentazione delle domande relative.

Sempre il 13 giugno scorso, con determinazione direttoriale numero 105, venivano approvati nuovi bandi relativi alla Sottomisura 6 del PSR regionale.

Nel dettaglio, le nuove call riguardano:

  • La Sottomisura 6.2: “Aiuti all’avviamento di attività imprenditoriali per attività extra-agricole nelle zone rurali”;
  • La sottomisura 6.4: “Sostegno a investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra-agricole”;
  • L’intervento 6.4.1: “Investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra-agricole nelle imprese agricole”;
  • L’intervento 6.4.2: “Sostegno a investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra-agricole”.

Per quanto riguarda questi ultimi 4 bandi, il termine per la presentazione delle domande è fissato al 15 settembre 2017.

Per maggior informazioni relative al PSR Molise 2014-2020 e ai bandi di gara aperti, è possibile visitare il sito web ufficiale http://psr.regione.molise.it

FONTI:

http://www.reterurale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/17015

http://psr.regione.molise.it/node/160

http://psr.regione.molise.it/node/167

http://psr.regione.molise.it/node/168

Il settore biologico italiano alla conquista di Bruxelles: va in scena la BIO WEEK

Dal 26 giugno al 2 luglio è andata in scena a Bruxelles, in Belgio, la BIO WEEK. 7 giorni di eventi per informare e sensibilizzare cittadini, istituzioni e stakholder, sull’importanza del mercato dei prodotti biologici. All’appuntamento ha partecipato anche il commissario all’Agricoltura dell’Unione, Philipp Hogan.

A organizzare l’evento, FederBio, la Federazione Italiana Agricoltura Biologica e Biodinamica, che ha voluto in questo modo dare risalto ai prodotti agroalimentari italiani a marchio bio.

I prodotti bio italiani sbarcano a Bruxelles

Italia ed Europa stanno conoscendo una crescita esponenziale del mercato dei prodotti a marchio bio. Secondo gli ultimi dati diffusi da Agence Bio, nel 2015 la superficie totale di terreni europei coltivati con metodo biologico raggiungeva gli 11,2 milioni di ettari, il 6,2% della SAU del continente. Nel giro di 5 anni, dal 2010, la superficie è incrementata del 21%. Anche la percentuale di terreni in conversione verso il metodo biologico in UE è in crescita esponenziale: in 14 Stati comunitari, la conversione riguarda più del 20% dei terreni, per 8 Stati tra il 10 e il 20%, per gli ultimi 4 la percentuale è ferma al di sotto del 10%. A dimostrazione dell’estrema vivacità del comparto.

L’Italia, che è seconda in Europa in termini di ettari coltivati a bio e quinta per SAU, può sfruttare il trend, proponendo eccellenze gastronomiche uniche al mondo. È questo l’intento di eventi come la BIO WEEK di FederBio presso il Parlamento Europeo a Bruxelles.

L’idea infatti è di promuovere i prodotti agroalimentari biologici italiani. Nella capitale belga, la Federazione ha individuato un “un mercato strategico che si distingue per un interessante mix di propensione al consumo, possibilità di spesa e ampia presenza di ristoratori interessati a proporre un menu mediterraneo, incentrato sul concetto biologico”.

Ecco perché la BIO WEEK è stata l’occasione per una serie di eventi informativi, di promozione dei prodotti italiani a marchio bio, da spingere nel circuito della ristorazione e della distribuzione del Paese nord europeo.

Anche il Commissario Hogan alla BIO WEEK di Bruxelles

All’evento di apertura della BIO WEEK, lunedì 26 giugno, hanno presenziato anche il Commissario UE per l’agricoltura, Philip Hogan, e il capo negoziatore per la riforma del regolamento UE sul biologico, Martin Hausling. Presenti inoltre, 150 tra professionisti, decison maker, VIP customer, opinion leader e buyer della GDO.

Durante la serata, alcuni chef hanno proposto ricette preparate con prodotti esclusivamente bio.

Paolo Frigati dell’Ufficio di Presidenza di FederBio è intervenuto sottolineando l’importanza del settore nel contesto europeo, soprattutto alla luce del regolamento UE in corso di approvazione a Bruxelles:

«Il mercato richiede sempre più prodotto bio non solo per una crescente attenzione verso la sostenibilità ambientale ma anche per un nuovo approccio alle qualità nutrizionale degli alimenti.Le rappresentanze del settore biologico e la politica devono condividere un approccio all’altezza della sfida che abbiamo davanti: far diventare il biologico il sistema agricolo e alimentare di riferimento per l’Europa, sapendo che l’Italia su questa frontiera può giocare un ruolo di leader».

Proprio durante la BIO WEEK, i Paesi dell’Unione hanno raggiunto un accordo informale sull’approvazione del nuovo regolamento. Un accordo che ora deve vedere l’approvazione definitiva da parte delle istituzioni di Bruxelles.

FONTI:

http://www.feder.bio/comunicati-stampa.php?nid=1191

http://www.suoloesalute.it/la-coltivazione-biologica-europa-nel-mondo-lanalisi-agence-bio/

http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php/Organic_farming_statistics

http://agronotizie.imagelinenetwork.com/agricoltura-economia-politica/2017/07/04/biologico-l-ue-ci-prova/54810

Cotone e mais OGM: la Commissione UE autorizza 5 nuovi prodotti

È arrivata il 4 luglio una nuova approvazione di cotone e mais OGM nel territorio dell’Unione Europea.

La Commissione UE ha infatti dato il via libera a 5 nuove autorizzazioni per prodotti geneticamente modificati, che saranno destinati sia all’alimentazione umana che ai mangimi per animali.

Per il momento l’autorizzazione riguarda solo l’importazione di tali prodotti e non la loro coltivazione.

Cotone e mais ogm: il via libera a 5 prodotti

Sono 5 le nuove autorizzazioni di cotone e mais ogm approvate dalla commissione europea, di cui 4 nuove. L’ultima, quella che riguarda il mais Mon810, interessa invece il rinnovo di un’autorizzazione pre-esistente.Tre le varietà geneticamente modificate di mais, due quelle di cotone.

Sono 5 le sigle di prodotti ogm approvati:

  • Cotone 281-24-236 x 3006-210-23 x MON 88913;
  • Cotone GHB 119;
  • Mais Bt11 × 59122 × MIR604 × 1507 × GA21;
  • Mais DAS-40278-9;
  • Mais MON 810.

Le autorizzazioni, che resteranno in vigore per i prossimi 10 anni, valgono per uso alimentare e per l’utilizzo degli ogm nei mangimi.

I prodotti OGM approvati sono passati attraverso una completa procedura di autorizzazione, inclusa una valutazione scientifica da parte dell’EFSA, l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare”, leggiamo sul sito ufficiale dell’Unione. “Ciascuno dei prodotti derivati da tali OGM sarà soggetto alle rigorose regole dell’UE su etichettatura e tracciabilità”.

Il parere positivo della Commissione è arrivato dopo che gli Stati Membri avevano espresso un voto “no opinion” (nessuna opinione) nelle sedi competenti, i Comitati Permanente e d’Appello. A quanto pare, la conflittualità esistente tra i diversi Paesi UE sulla questione, ha impedito il formularsi di una posizione comune sulle nuove varietà di cotone e mais ogm approvati.

Cotone e mais ogm: gli ultimi voti sfavorevoli del Parlamento

L’approvazione da parte della Commissione arriva malgrado negli ultimi mesi il Parlamento europeo abbia reiterato più volte il proprio parere negativo all’importazione di prodotti ogm, anche se di altro tipo.

Ad aprile, l’istituzione di Strasburgo aveva affermato la propria contrarietà su 5 varietà di mais ogm: Bt11, 59122, MIR604, 1507 e GA21. In quell’occasione, la maggioranza per il voto sfavorevole era stata piuttosto ampia: 426 parlamentari contro 230, con 38 astensioni.

Ancora a maggio gli eurodeputati avevano detto chiaramente no a mais e cotone ogm con due distinte votazioni. In questo caso, i prodotti erano il mais Das-40278-9 e il cotone Ghb 119.

In entrambi i casi, si votava per la sospensione dell’autorizzazione al commercio, con approvazioni ad ampia maggioranza: 435 favorevoli e 216 contrari nel primo caso (34 astenuti) e 425 favorevoli con 230 contrari (27 astenuti) nel secondo.

FONTI:

http://www.informatoreagrario.it/ita/News/scheda.asp?ID=3403

http://europa.eu/rapid/press-release_MEX-17-1908_en.htm

http://www.suoloesalute.it/europarlamento-dice-stop-agli-ogm-no-al-mais-geneticamente-modificato/

http://agronotizie.imagelinenetwork.com/agricoltura-economia-politica/2017/05/19/mais-e-cotone-ogm-il-parlamento-ue-si-oppone-all-importazione/54199