Coldiretti: dall’inizio della crisi vero boom delle frodi agroalimentari

“Dall’inizio della crisi sono più che triplicate in Italia le frodi a tavola, con un incremento record del 248% del valore di cibi e bevande sequestrati perché adulterate, contraffate o falsificate”. A ricordarlo la Coldiretti, nel commentare i dati sull’attività dei NAS nel corso dell’anno appena concluso. .  “Nel 2013 in Italia – prosegue il comunicato – sono stati sequestrati beni e prodotti per un valore di 441 milioni di euro, soprattutto con riferimento a prodotti base dell’alimentazione come la carne, farine pane e pasta, latte e derivati, vino ed alcolici, ma anche in misura rilevante alla ristorazione, dove per risparmiare si diffonde purtroppo l’utilizzo di ingredienti low cost che spesso nascondono frodi e adulterazioni”.
A preoccupare soprattutto “il fatto che su 39.308 controlli in ben 13.255 casi sono state individuate non conformità, in altre parole in un caso su tre”. Per la confederazione “gli ottimi risultati dell’attività’ dei NAS confermano l’efficacia del sistema di controlli in Italia contro un crimine particolarmente odioso, perché si fonda sull’inganno e colpisce soprattutto quanti dispongono di una ridotta capacità di spesa e sono costretti a rivolgersi ad alimenti a basso costo.
Fonte: Agrapress

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *