Suolo e Salute

Tag Archives: farm to fork

LE ASSOCIAZIONI PROTESTANO: NESSUNA MENZIONE AL BIOLOGICO ALL’INTERNO DEL PNRR

LE ASSOCIAZIONI PROTESTANO: NESSUNA MENZIONE AL BIOLOGICO ALL’INTERNO DEL PNRR

Profonda è la delusione manifestata da parte delle Associazioni di settore AssoBio, AIAB, Associazione Biodinamica e FederBio, per l’inconsistenza della parte dedicata all’agricoltura biologica e agli investimenti in merito, all’interno del capitolo relativo all’agricoltura sostenibile del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza; presentato dall’Italia alla vigilia dell’approvazione del Piano d’Azione europeo per il settore biologico.

A parere delle Associazioni, non sarebbero state citate neppure le note strategie “Farm To Fork” e “Biodiversità 2030” approvate dalla Commissione Europea nell’ambito dell’European Green Deal.

Al settore Bio sembra essere stata dedicata solo una marginale citazione, nella parte relativa al recupero delle terre incolte, raccontano le Associazioni.

Un risultato non soltanto deludente, poiché sembra non considerare lavoratori e imprese del settore, ma almeno all’apparenza disconnesso rispetto ai dati di forte sviluppo che l’agricoltura biologica e la vendita dei suoi prodotti ha registrato, in un tempo non ordinario come quello pandemico.

Nella linea d’Azione del documento, all’interno del capitolo relativo all’agricoltura sostenibile, le Commissioni di Camera e Senato, hanno dato rilevanza a temi come: lo sviluppo del biometano agricolo, il rinnovo del parco mezzi circolanti e dei macchinari, l’agricoltura di precisione, la promozione dell’impiego della biomassa forestale italiana per la produzione di energia.

Le Associazioni avevano invece posto l’attenzione su questioni quali: gli investimenti nella ricerca e innovazione del settore bio, un ausilio verso la sua digitalizzazione e un’azione sulla fiscalità finalizzata ad agevolare le attività, i prodotti e i servizi, per un impatto complessivo positivo.

Manifestano così incredulità e incomprensione, verso un agire che sembra disincentivare la conversione all’agricoltura biologica e con questa, alle aree dei biodistretti, di grande efficacia per la lotta al cambiamento climatico, per il rilancio economico dei tanti territori rurali dimenticati, così come un’opportunità di lavoro concreta per donne e giovani.

 

Fonte: Help consumatori

FARM TO FORK: IL BIOLOGICO EUROPEO DOVRÀ AUMENTARE DEL 165%

FARM TO FORK: IL BIOLOGICO EUROPEO DOVRÀ AUMENTARE DEL 165%

Le aree agricole europee destinate al biologico dovranno aumentare del 165% entro il 2030 per raggiungere l’obiettivo del Farm To Fork del 25%. L’obiettivo UE, ostacolato da più parti, è molto ambizioso e per poter essere raggiunto serviranno diverse azioni sia sul fronte consumatori che sul piano della produzione.

Durante l’appuntamento B/Open Digital Edition la BIOLS.EU ha presentato il suo programma strategico per raggiungere l’obiettivo individuando 4 settori d’interesse:

  1. Agricoltura
  2. Consumo
  3. Finanza
  4. Trasparenza

La centralità delle iniziative, a parte il favorire un alimentazione equa, sana e naturale, dovrà tenere conto della sostenibilità ambientale a più livelli, a partire dal risparmio energetico, risparmio del suolo e dalla lotta allo spreco alimentare.

I terreni agricoli biologico dovranno passare dagli attuali 19,8 milioni di ettari (del 2020) a 52,2 milioni di ettari nel 2030. Ciò comporterebbe un aumento delle vendite del biologico di circa 87 miliardi di euro, passando dagli attuali 52,9 ai 140 miliardi di euro nel 2030.
Il programma dell’OPTA (Organic Processing and Trade Association Europe) definisce quattro punti per portare al traguardo l’iniziativa:

  • Prezzo reale ed equo: caratterizzato dalla trasparenza, da un profitto equo e da un valore reale lungo tutta la filiera
  • Biodiversità e clima: da un rapporto costi/resa all’agricoltura biologica
  • Alimentazione e salute: dissuasione del consumatore dal cibo spazzatura al cibo salutare

 

L’OPTA sta mettendo in atto strategie direttamente sul consumatore, per far crescere la consapevolezza e quindi l’esigenza di prodotti con sempre più qualità reali. Tale processo avverrà grazie a degli strumenti fiscali che aumenteranno direttamente la veridicità dei prezzi e riducendo la differenza di costo dei prodotti biologici.

L’incremento del mercato biologico passerà anche dai singoli governi nazionali. Un esempio fra tutti è il progetto promosso dall’Eliseo “Ambition Bio 2022” che ha portato in poco tempo la Francia ad essere tra i primi posti in Europa per i numeri in agricoltura biologica.

Fonte: agricultura.it

EUROPA E AGROFARMACI: LA PAC NON AIUTA LE API

EUROPA E AGROFARMACI: LA PAC NON AIUTA LE API

A fronte dei propositi del “Farm to Fork” e “Biodiversità”, l’Europa non si sta impegnando come dovrebbe nel preservare gli impollinatori selvatici, che sono essenziali per il nostro ambiente.

Ad affermarlo è la Corte dei Conti Europea, che afferma che l’unione ha fatto troppo poco per il declino di api selvatiche e altri impollinatori. Gli impegni presi in materia ambientale non stanno portando i risultati sperati, l’utilizzo degli agrofarmaci non ha ancora una regolamentazione ferrea che porti il loro utilizzo a una riduzione repentina nei prossimi anni.

La commissione di recente ha proposto una terza revisione del SUD (uso sostenibile dei pesticidi) nel contesto della strategia “Farm to Fork”, ma sembra troppo debole per avere un vero impatto sull’ambiente.

Invece di esaminare nuove tecniche agricole per concentrare e ridurre l’utilizzo dei pesticidi, andrebbero fatti degli studi focalizzati sull’incremento di tecniche agro-ecologiche.
Molti studiosi e componenti della Commissione Europea stanno esprimendo il loro dissenso verso una politica che ancora strizza l’occhio all’agricoltura intensiva.

A tal proposito la Politica Agricola Comune (PAC) sembra essere uno dei principali fattori di questo mancato cambiamento. La nuova proposta di riforma non è in linea con il Green Deal e quindi potrebbe neutralizzare le strategia della Farm to Fork e Biodiversità. Questi due strumenti dovranno raggiungere a breve una vera e propria valenza legale, per garantire la loro vera messa in atto.

 

Il declino delle api e degli altri impollinatori sta destando molta preoccupazione nella comunità scientifica e nell’opinione pubblica. Solo con una forte diminuzione dei pesticidi sintetici si potrà provare a salvare la nostra biodiversità che è minacciata anche dai cambiamenti climatici in atto.

 

L’iniziativa “Salviamo le api e gli agricoltori” è stata lanciata nel 2019 da Pan Europe, e con il sostegno di tutti mira a raccogliere più di 1 milione di firme per portare all’UE un piano di riduzione dei pesticidi nei prossimi 15 anni.

 

Fonte: slow food
Foto di marian anbu juwan da Pixabay

IL NUOVO ACTION PLAN PER L’AGRICOLTURA BIOLOGICA

IL NUOVO ACTION PLAN PER L’AGRICOLTURA BIOLOGICA

A seguito della “Farm to Fork strategy” la Commissione Europea sta lavorando sul nuovo Action Plan che ha l’obiettivo di presentare le 3 bozze definitive sul “pacchetto controllo” che include:

 

DA supplementing on controls per i requisiti minimi dei:

  • controlli documentali per la verifica della tracciabilità e del bilancio di massa
  • controllo dei gruppi di operatori da parte degli organismi di controllo

 

DA amending on controls che modifica il Reg. UE 2018/84 nei punti:

  • funzionamento ICS (Sistema di Controllo Interno) dei gruppi di operatori
  • modello del certificato per gli operatori UE

 

IA on controls in cui vengono specificati:

  • le modalità con le quali un operatore può eliminare o comprovare un sospetto di NC per presenza di una sostanza non ammessa
  • la metodologia che deve essere seguita dagli OdC durante il controllo ufficiale volto a definire le cause di una contaminazione da sostanza non ammessa
  • indicazioni in etichetta per i prodotti in conversione
  • numero massimo di componenti di un Gruppo di Operatori (GO)
  • documenti e registrazioni che devono essere tenute dai GO
  • comunicazioni obbligatorie da parte dell’ICS manager all’OdC
  • percentuali minime di controlli e campionamenti
  • catalogo comune di NC e misure

 

Il 4 agosto il pacchetto è stato sottoposto dalla Commissione alla consultazione pubblica discutendo i seguenti temi:

  1. Stato dell’arte dei lavori della Commissione Europea sulla normativa secondaria del Reg. UE 2028/848
  2. Analisi delle bozze degli atti delegati e atti esecutivi del Reg. UE  2018/848 in materia di import

 

Con molta probabilità le nuove normative entreranno in atto con una anno di ritardo, vista l’emergenza sanitaria da Covid-19 (da gennaio 2021 a gennaio 2022).

 

Fonte: Aiab