Suolo e Salute

Category: Eventi

Food Quality Days: Giornate di seminari per il settore agroindustriale

Nella giornata di ieri, Giovedì 18 Maggio, Suolo e Salute ha partecipato a Food Quality Days.

Si tratta di un corso indetto dalla Dinamica S.r.l., un team di professionisti che opera nel settore alimentare, in collaborazione con il Master Universitario di II livello in Esperto in Controllo e Certificazione di Alimenti (ESCA) del Dipartimento di Farmacia e Scienze della Salute e Nutrizione dell’UNICAL.

Il corso era proposto gratuitamente ad aziende e professionisti del settore agroindustriale, 2 giorni di seminari di informazione e aggiornamento su 4 argomenti di attuale interesse:

Giovedì 18 maggio – Aula 52, Ed. Polifunzionale UNICAL

9.30 Presentazione

Prof. Gaetano Ragno – Direttore Scientifico Master

Dott. Antonio Pettinato – Amministratore Unico Dinamica S.r.l.s
10.00 SIAN e sicurezza alimentare: i controlli ufficiali nella Regione Calabria
Dott. Dario Macchioni – Responsabile Ufficio Igiene Alimenti e Bevande settore area LEA – Dipartimento tutela della salute e politiche sanitarie Regione Calabria.

15.30 Le certificazioni regolamentate: produzioni biologiche, DOP e IGP
Prof. Domenico Fusto – Responsabile Sviluppo e Marketing Calabria –Suolo e Salute
Dott. Saverio Giglio – Direzione Tecnica DOP/IGP e Resp. Analisi Agricoltura Biologica – Suolo e Salute

Venerdì 19 maggio – Aula 52, Ed. Polifunzionale UNICAL

9.30 Presentazione

Prof. Gaetano Ragno – Direttore Scientifico Master

Dott. Antonio Pettinato – Amministratore Unico Dinamica S.r.l.s

10.00 La certificazione BRC e IFS
Dott. Pierpaolo Parentini – Lead Auditor Bureau Veritas – Bureau Veritas Italia

15.30 Corrette prassi igieniche nell’industria agroalimentare 
Paolo Prete – Responsabile Calabria – Diversey Food & Beverage

 

 

Le giornate di workshop “Food Quality Days” sono state organizzate all’interno del percorso formativo del Master ESCA. Ciascun seminario è stato seguito da discussione per domande o interventi con il pubblico. I seminari sono stati aperti al pubblico e ad aziende, le quali si sono sono registrate presso:

Segreteria Dinamica Srls: tel/fax 0984016503 ;

Email: info@dinamicagroup.com Segreteria Master ESCA: tel 0984 493178;

Email: unical.esca@gmail.com

Green Social Economy Summit: appuntamento con la sostenibilità il 6 giugno a Rimini

Il Green Social Economy Summit si svolgerà il 6 giugno 2017, a Rimini, in piazza Cavour presso il teatro Galli.

L’evento è la prima “messa in scena” delle visioni e delle buone pratiche del pensare e fare economia civile applicata allo sviluppo sostenibile del Paese.

Il Green Social Economy Summit presenterà al suo pubblico i valori concreti – equità, sostenibilità e bellezza – aiquali ciascuno di noi dovrebbe ispirarsi naturalmente.

Il Green Social Economy Summit

L’evento mette insieme imprenditori e stakeholder visionari che operano nel sistema di sviluppo di un’economia civile. Tutte le realtà coinvolte nel Summit hanno come imperativo assoluto la centralità del pensiero che ha origine dai territori dell’uomo e dall’uomo in armonia con essi.

L’obiettivo è fungere da motore per un cambiamento finalizzato alla creazione di una società migliore, un’economia locale e globale che riconosca nel sentiment civile l’origine della sostenibilità.

Chi saranno i protagonisti del Summit

I protagonisti del Green Social Economy Summit saranno gli imprenditori e le loro imprese, le associazioni e i loro maker, gli esponenti economici, culturali, sociali e istituzionali del nostro Paese. Chiunque abbia un’idea da raccontare, che abbia alla base i concetti di sostenibilità e di sviluppo etico.

Tanti gli interventi che si susseguiranno durante l’evento: da Ermete Realacci, Presidente Fondazione Symbolia che parlerà della bellezza e qualità del Made in Italy, a Paolo Carnemolla, presidente di FederBio, la Federazione Italiana Agricoltura Biologica e Biodinamica. Nello specifico, il suo intervento sarà previsto per le ore 15.00 all’interno del dibattito “La new economy dei territori, laboratori del made in Italy di valore”, a cui prenderanno parte anche Daniele Vaccarino, Presidente CNA, Ivan Lo Bello, Presidente Unioncamere, Domenico Arcuri, Presidente Invitalia e Gianpiero Calzolari, Presidente Granarolo Spa.

 

È possibile scaricare il programma dell’evento a questo link: http://www.feder.bio/files/1988.pdf

Fonti:

http://www.feder.bio/agenda.php?nid=1165

http://www.feder.bio/files/1988.pdf

https://www.lagazzettadilucca.it/sviluppo-sostenibile/2017/04/green-social-economy-summit-il-network-dell-intraprendenza-civile/

La festa del biologico conquista Milano: boom di visitatori all’evento FederBio

Boom di partecipanti alla Festa del biologico a Milano.

L’evento, alla sua prima edizione, è stato organizzato da Federbio con l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico e far conoscere e vivere più da vicino ai consumatori il mondo biologico.

Festa del biologico: boom di visitatori

Nonostante la pioggia, gli stand del villaggio bio allestito in Via Mercanti hanno accolto 5 mila visitatori. Sono stati mille, invece, i partecipanti ai talk tenuti da 40 esperti.

L’evento è stato pensato nell’ambito della WEEK&FOOD, la settimana del fooddella città meneghina che ha ripreso il grande tema “Feeding the Planet, Energy for Life” di EXPO MILANO 2015.

Grande presenza anche delle istituzioni: dalla vicepresidente del consiglio regionale della Lombardia, Sara Valmaggi, all’assessore alle attività produttive del Comune di Milano, Cristina Tajani, alla consigliera delegata di Città Metropolitana di Milano, Michela Palestra.

Bio in numeri

La Festa del biologico è stata anche l’occasione per fare il punto sui numeri che interessano il settore. Numeri importanti, che fanno ben sperare per il futuro.

Nel 2016, in Italia, il fatturato è stato di 4,3 miliardi di euro: una crescita di oltre 12 punti percentuali che ha permesso al nostro Paese di piazzarsi al settimo posto nel mondo come mercato bio. Nello stesso anno, ben il 74% delle famiglie italiane ha acquistato almeno un prodotto biologico (+7% rispetto al 2015).

Non solo. L’Italia detiene il primato mondiale come superficie coltivata ad agrumi, il secondo posto per apicoltura e viticoltura, il terzo per olivicoltura, il quarto per orticoltura e frutteti.

Le aziende agricole italiane che hanno deciso di bandire pesticidi e concimi chimici di sintesi sono diventate 52.588 (in crescita dell’8,1% in un anno) e oltre 1.492.579 ettari (+7,5%), ben il 12% dell’intera superficie agricola nazionale è coltivata in maniera sostenibile.

«Questi numeri dimostrano che il biologico italiano sta diventando sempre più strategico per l’economia nazionale. Un settore certificato, controllato rigorosamente e in pieno sviluppo, custode dei tesori della nostra cucina e garante della biodiversità, sul quale il Paese dovrebbe credere con maggiori investimenti per dare un futuro all’agricoltura italiana», ha commentato il Presidente di Federbio, Paolo Carnemolla.

Il coinvolgimento dei Millennials

Positivo anche il bilancio delle attività pensate e sviluppare per e con i Millennials. Studenti universitari italiani e stranieri hanno visto concretizzarsi i loro sforzi  nel Project #PARLOCONBIO realizzato in collaborazione con Economia e Gestione della Comunicazione Pubblicitaria, LIMED, e i corsi UCSC International, Università Cattolica del Sacro Cuore. Ben 20 gruppi di Millennials si sono cimentati nella produzione di video virali che in pochi secondi spiegassero con efficacia che cosa è il biologico Italiano.

Sempre durante l’evento, 10 giornaliste e blogger presenti alla Festa del Biologico hanno premiato il migliore video realizzato nell’ambito del contesto #vivoilbio, lanciato sui social di FederBio, sul web e in università.

La giornata è stata anche l’occasione per donare alla Città Metropolitana di Milano l’opera interattiva e tridimensionale realizzata da giovani architetti milanesi di #Biodesign.

FONTE:

http://www.feder.bio/comunicati-stampa.php?nid=1161

 

 

Sementi Festival: appuntamento in borgo con il cibo bio e gli stili di vita sani

Il comune di Corinaldo, in provincia di Ancona, nominato nel 2007 “Borgo più bello d’Italia”, organizza il Sementi Festival.

Appuntamento all’insegna della corretta alimentazione, dello stile di vita sano e delle qualità e dei benefici del cibo biologico. Non mancheranno iniziative a carattere culturale: mostre, concerti, laboratori per bambini, spettacoli di danza itineranti.

Tra gli appuntamenti più interessanti “Bio per una notte”, una sorte di notte bianca per le vie del quartiere, in cui gli esercizi commerciali saranno coinvolti in scelte sane e consapevoli.

Ecco il programma dell’appuntamento.

Sementi Festival: appuntamento il 12 maggio

A partire dalle ore 15 di venerdì 12 maggio, si aprirà a Corinaldo il Sementi Festival, con uno spazio gratuito per bambini fino a 3 anni, gestito dai volontari dell’associazione AshramJoytinat. Per i più grandi, invece, le iniziative cominceranno dalle ore 18.

Primo appuntamento con “Alimentiamo la salute”. Un dialogo tra il dottor Franco Berrino, ex direttore del Dipartimento di Medicina Preventiva dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, Bruno Sebastianelli, Presidente de “La Terra il Cielo”, e SwamiJoythimayananda, esperto in Ayurveda e fondatore dell’AshramJoytinat Yoga Ayurveda di Corinaldo.Berrino e Joythimayananda sono poi gli ideatori della Cena e del Pranzo biologici, durante i quali saranno serviti in tavola piatti gustosi, salutari e privi di residui chimici.

Alle 20 partirà “Bio per una notte”, con un mercato itinerante per le vie del centro storico del borgo. I ristoranti adotteranno menù biologici e gli esercizi commerciali proporranno prodotti in linea con la filosofia bio. Saranno inoltre protagonisti l’artigianato locale, le sementi antiche e i massaggi ayurvedici.

Alle 21:30 comincia invece lo spettacolo di danza itinerante dei ballerini della “Esperimenti GDO Dance Company”.

Sementi Festival: la seconda giornata di appuntamenti

Anche il secondo giorno si ripetono gli appuntamenti per i bambini a cura dell’associazione AshramJoytinat, pranzo e cena biologici con menù ideati da Franco Berrino e SwamiJoythimayanandae “Bio per una notte”.

Tra le nuove iniziative, alle 7:30 Yoga in piazza nel centro storico di Corinaldo. Alle 10, la tavola rotonda “Agricoltura tra Sostenibilità e Mercato – Dai semi antichi all’ape robot”, a cui parteciperanno il dottor Franco Berrino, Bruno Sebastianelli, Giovanni Piersanti (presidente CAC – Cooperativa Agricola Cesenate) e i rappresentanti di AIAB e ANABIO, importanti sigle del mondo biologico italiano.

Alle 16, si piantano alberi per i nuovi nati, mentre alle 17 partono i laboratori “Coloriamo la verdura” e “Nati per leggere”, dedicati ai più piccoli.

Serata di spettacoli per gli adulti: alle 18, Jacopo Fo si esibisce in “Vivere in eterno mangiando solo dinosauri”, pièce ironica che stigmatizza manie e luoghi comuni sull’alimentazione; alle 21:30, musica con il Massimo Morganti Quartet.

La partecipazione al Sementi Festival è gratuita, mentre pranzo e cene biologici sono a pagamento.

Per info: 071 7978636 – www.corinaldo.itiat1@corinaldo.it

FONTI:

http://www.feder.bio/agenda.php?nid=1154

http://www.feder.bio/files/1970.pdf

La coltivazione del pomodoro da industria bio: aspetti agronomici e tematiche legate alla certificazione

Si terrà Martedì 14 Marzo, dalle ore 9.30 fino alle 13.30, un incontro tecnico che tratterà “La coltivazione del pomodoro da industria bio: aspetti agronomici e tematiche legate alla certificazione” . L’incontro organizzato da Suolo e Salute si terrà presso la Sala Bertonazzi c/o Palazzo dell’Agricoltura di Piacenza in  Via Cristoforo Colombo, 35.

Il direttore tecnico nazionale di Suolo e Salute, Alessandro D’Elia presenterà le problematiche legate alla certificazione del pomodoro da industria biologico, mentre Carlo Bazzocchi, tecnico consulente nel settore delle produzioni biologiche, parlerà della coltivazione del pomodoro da industria bio: aspetti agronomici e problematiche.

Per ulteriori informazioni: 344 04 11 921 oppure i.saltari@suoloesalute.it

Per visualizzare la locandina Clicca qui Incontro-Tecnico_pomodoro-da-industria-bio.pdf (138 download)

Leadership nel mondo BIO: corso di formazione internazionale a Maggio

IFOAM International, federazione del settore biologico che raccoglie aziende, esperti e associazioni a livello internazionale, organizza il quinto corso di formazione europeo per il management e la leadership nel mondo BIO. Il primo appuntamento consiste in un week-end di maggio, in Croazia.

3 appuntamenti per la Leadership nel Bio

Il corso sarà articolato in tre sessioni. La prima lezione, frontale, in Croazia dal 21 al 28 maggio. La prima parte del workshop sarà a Spalato, seconda città della nazione. Successivamente, si sposterà nelle isole adriatiche di Lissa e Lesina. La location non è casuale. «Queste sedi così pittoresche non offrono solo lo scenario ideale per le nostre classi, ma danno anche accesso a un buon numero di aziende bio da visitare», spiegano gli organizzatori.

La seconda sessione è esclusivamente online. Sono 10 webinar, di 3 ore a lezione, che si svilupperanno tra maggio 2017 e febbraio 2018.

A conclusione del percorso, ci sarà l’ultima lezione face-to-face, stavolta in Germania, a Norimberga. Quest’ultima sessione sarà in contemporanea con il Biofach, la principale fiera mondiale per l’agroalimentare bio. Appuntamento dall’8 al 13 febbraio 2018.

Non solo Leadership: gli argomenti del corso

La formazione di IFOAM toccherà diversi punti, che riguardano il mondo del bio a 360 gradi. Il corso è articolato in 5 punti:

  1. Comprendere il Mondo Bio. Il primo step è gettare le fondamenta necessarie per la comprensione del settore.
  2. Management Istituzionale. Con il secondo modulo si entra nello specifico della Leadership aziendale: si svilupperanno tecniche e competenze per l’organizzazione aziendale, la gestione dei profili professionali e la possibilità di creare alleanze per la collaborazione intra-settoriale.
  3. Un bravo leader si vede dalle sue capacità di comunicazione. Sia all’interno dell’azienda, con dipendenti e collaboratori, sia all’estero con i fornitori e i consumatori.
  4. Value Chain. Il quarto modulo si propone di trasmettere ai discenti il sistema di garanzie esistente all’interno del settore organico. Un sistema che migliorerà l’abilità di guidare e supportare l’Agricoltura bio e lo sviluppo del trade.
  5. Servizi e sviluppo. Il focus qui sarà posto infine sulla comprensione delle strutture di supporto, sia locali che globali, per rinforzare il settore nel suo complesso e guidare un efficace processo di decision-making.

 

Come partecipare

Per partecipare è necessario sottoscrivere una lettera di motivazione da parte del proprio datore di lavoro. La scadenza per la presentazione delle domande è fissata al 9 marzo. Ogni domanda sarà valutata entro il 16 marzo. Il numero di partecipanti totali è di 26.

Per completare la domanda, occorre compilare il form di registrazione online qui: http://www.ifoam.bio/en/application-olc-europe-20172018

Maggiori informazioni sui requisiti di partecipazioni e le fee di accesso sono disponibili sul sito ufficiale di IFOAM International.

FONTI:

https://www.ifoam.bio/en/news/2017/02/20/ifoam-organics-international-launching-its-fifth-european-organic-leadership-course

http://www.ifoam.bio/en/organic-leadership-courses/olc-europe-201718