Cos’è l’Agricoltura Biologica?

Il CodexAlimentarius definisce l’agricoltura biologica come un sistema globale di produzione agricola che privilegia la gestione razionale delle risorse interne all’azienda e l’uso limitato degli imputs esterni a salvaguardia dell’agroecosistema in tutti i suoi aspetti.

L’agricoltura biologica è un metodo di produzione che mira essenzialmente:

  • a custodire la fertilità del terreno a lungo termine, riciclando i rifiuti di origine vegetale e animale (concimi organici) al fine di restituire gli elementi nutritivi alla terra, riducendo in tal modo il più possibile l’utilizzo di risorse non rinnovabili;
  • ad aumentare la diversità biologica;
  • a lavorare con i sistemi naturali piuttosto che cercare di dominarli;
  • a coltivare senza impiego di prodotti chimici di sintesi e di OGM (organismi geneticamente modificati);
  • ad annullare o ridurre nei minimi del possibile ogni forma di inquinamento dell’agroecosistema e delle risorse idriche;
  • a un maggior rispetto degli animali allevati perseguendo, come obiettivo principale il loro benessere;
  • a manipolare i prodotti agricoli, con particolare attenzione ai metodi di trasformazione, allo scopo di mantenere l’integrità biologica e le qualità essenziali del prodotto in tutte le varie fasi;

Per quanto riguarda la zootecnia, il metodo di produzione biologico si basa sul principio di uno stretto legame tra animali e superfici agricole. La necessità di questo legame prevede quindi che gli animali abbiano accesso ad ampie aree di pascolo all’aperto e che l’alimentazione che viene loro fornita sia non solo biologica ma preferibilmente ottenuta in buona parte nell’azienda stessa. Questo aspetto dell’agricoltura biologica è peraltro dettagliatamente disciplinato da una serie di disposizioni.
Gli obiettivi del biologico restano gli stessi, sia parlando di produzioni vegetali che animali. Si privilegia: l’adozione di pratiche razionali per il rispetto dell’ambiente, l’occupazione armoniosa dello spazio rurale, il rispetto del benessere degli animali e la produzione di prodotti agricoli di alta qualità. L’agricoltura biologica permette ai consumatori di scegliere alimenti, che oltre ad avere la prerogativa di essere privi di residui di sostanze di sintesi, hanno anche un alto “valore etico-sociale”.
Il biologico, per le peculiarità sopradescritte, ha contribuito a rinsaldare quel legame fisiologico tra la terra e l’uomo che sembrava smarrito e sopraffatto dalla frenesia del quotidiano.

L’agricoltura biologica è l’unica forma di agricoltura a disporre di uno specifico quadro normativo a livello nazionale e comunitario.