PRESENTATO LO STATO DELL’ARTE DEL PROGETTO BRESOV

PRESENTATO LO STATO DELL’ARTE DEL “PROGETTO BRESOV”

Negli scorsi giorni si è tenuto il webinar del progetto Bresov (Breeding for Resilient Efficient and Sustainable Organic Vegetable Production), incentrato sullo studio di 3 coltivazioni di riferimento che si possano adattare agli agrosistemi orticoli più sottoposti ai nuovi scenari di cambiamento climatico.

 

I 22 partner, provenienti da 9 paesi differenti, coordinati dal prof. Ferdinando Branca (dipartimento di Agricoltura Alimentazione e Ambiente dell’Università di Catania), hanno analizzato 837 crucifere (broccoli, cavolfiori etc.), 496 di pomodoro e 675 di fagiolino.

Lo studio aveva il compito di identificare diversi fattori, tra cui:

  • Maggiore resistenza a stress idrici
  • Senescenza indotta dal buio
  • Resistenza ad alte temperature
  • Contenuto di proteine e antiossidanti
  • Contenuto di zuccheri (per i fagiolini)

Per quanto riguarda le produzioni di seme biologico, il team si è incentrato su alcuni punti che includono:

  • Influenza della densità culturale
  • Utilizzo di composti naturali e agenti microbiologici
  • Controllo di parassiti delle piante
  • Composti nutritivi consentiti in agricoltura biologica

 

Nei prossimi step i team europei e asiatici scambieranno materiale genetico per ampliare la sperimentazione e migliorare così la cooperazione.

I prossimi appuntamenti del progetto:

Fonte: hashtag sicilia
Foto di Pablo Valerio da Pixabay

Leave a comment