Suolo e Salute

Category: UE

I fondi UE per la ricerca dovrebbero essere spesi per l’agricoltura biologica

Aumentare gli investimenti nella ricerca per l’agricoltura biologica contribuirà a fornire risposte a molte questioni ambientali e sociali affrontate dai sistemi agricoli in Europa: lo dice un nuovo studio presso l’Universitè Catholique de Louvain (BE) e il Centro di ricerca biologica (UK). Lo studio è stato commissionato dal Partito dei Verdi al Parlamento europeo e rivela un paradosso tra il potenziale e l’attuale livello di investimenti di ricerca in agricoltura biologica.Agricoltura_ricerca_innovazione

Secondo lo studio, prove scientifiche dimostrano che l’agricoltura biologica è in una posizione migliore per affrontare le sfide della sostenibilità di agricoltura convenzionale. Funziona meglio sull’impatto ambientale, per la riduzione l’uso di antibiotici, per la qualità del cibo e la creazione di occupazione. Ma nonostante la sua migliore predisposizione e prestazione l’agricoltura biologica riceve solo da 1 a 5% dei bilanci nazionali per la ricerca agricola. Un maggiore finanziamento della ricerca consentirebbe al biologico di essere più produttivo ed aiutare l’UE a rendere i sistemi alimentari più sostenibili.

“Il settore alimentare e l’agricoltura biologica è un punto fondamentale nella transizione verso sistemi alimentari sostenibili”, commenta Eduardo Cuoco, capo della segreteria TP Organics: “Nel 2014, TP Organics ha pubblicato un’agenda strategica di ricerca e innovazione per l’agricoltura biologica. L’agenda mostra che il settore biologico ha molto da offrire per tutta dell’agricoltura, sia in termini di progettazione di sistemi di produzione più sostenibili, e per la progettazione di modelli di business resilienti. Lo studio presentato oggi rileva che l’UE e gli Stati membri investono pochissimo nella ricerca per sviluppare il settore più in crescita degli ultimi anni. Il programma di lavoro Orizzonte 2020 adottato la scorsa settimana conteneva significativamente più budget per l’agricoltura biologica di precedenti programmi di ricerca comunitari, ma è solo un primo passo. Una bella fetta di denaro pubblico dovrebbe essere finalmente destinata allo sviluppo del settore biologico. “

Expo 2015: il Brasile e l’UE ritengono il biologico la chiave innovativa per risolvere le sfide di oggi

MILANO, 19 ottobre, 2015 – Il Ministero della Scienza, Tecnologia e Innovazione brasiliano – MCTI – e la piattaforma tecnologica europea di Organic Food and Farming per la ricerca e l’innovazione – TP Organics – hanno firmato un protocollo d’intesa al fine di promuovere l’innovazione e migliorare l’apprendimento reciproco riguardo all’ agricoltura biologica e all’ agroecologia in UE e nel Brasile.

“L’agricoltura biologica e l’ agroecologia stanno dimostrando di essere fattori chiave per risolvere le sfide sociali di oggi: tra le quali l’obiettivo ‘Fame Zero’. Aumentare il sostegno per la ricerca biologica e l’innovazione moltiplicherà l’impatto della produzione biologica sulla sicurezza alimentare globale, pur mantenendo servizi ecosistemici “. Ha detto Eduardo Cuoco, capo della segreteria TP Organics. “Siamo molto orgogliosi di essere stati riconosciuti come partner principale per promuovere la ricerca, l’innovazione e lo sviluppo di agroecologia e agricoltura biologica in Brasile.”

logo_tp-organics_500 x 250“Questo manda un messaggio forte al mondo: il Brasile, uno dei principali attori ha annunciato un mondo che produce soluzioni biologiche alle grandi sfide. La nostra cooperazione aprirà la strada per l’apprendimento reciproco e l’innovazione nella produzione biologica in entrambe le regioni “, ha aggiunto Marco Schlüter, direttore di IFOAM UE e membro del Comitato Direttivo TP Organics.

“Vogliamo beneficiare della vasta conoscenza ed esperienza delle parti interessate al biologico dell’UE per aiutare i nostri agricoltori a ridurre la loro dipendenza da fattori agro-industriali e per consentire loro di creare mezzi di sussistenza stabili”, Ha dichiarato il brasiliano Eron Bezerra, Segretario di Stato per l’inclusione sociale del Ministero della Scienza, Tecnologia e Innovazione. “Sono convinto che la produzione biologica non è importante solo per mezzi per migliorare la sostenibilità della nostra produzione alimentare, ma così contribuirà a fornire una migliore reddito per i nostri produttori e altre parti interessate nelle zone rurali”.

Il 16 ottobre, MCTI e TP Organics avevano firmato un memorandum d’intesa per avviare una cooperazione in materia di sicurezza e nutrizione, agroecologia e sistemi alimentari biologici. La cerimonia della firma si è svolta presso Milano Expo 2015 in occasione della Giornata mondiale dell’alimentazione. Una folta delegazione ha partecipato alla cerimonia della firma, tra cui José Caetano Minchillo, Presidente della Fondazione della Banca del Brasile; Danniel Gobbi dal Ministero brasiliano per lo Sviluppo Agricolo; Alexandra Vieira, coordinatore generale di sicurezza alimentare del MCTI; e Guilherme Wiedman, Coordinatore della Tecnologia per la Città Sostenibile del programma del MCTI.

fonte: www.tporganics.eu

Il Parlamento Europeo va nella giusta direzione. Ma gli ostacoli rimangono

Il recente voto in seno alla commissione del Parlamento europeo per l’Agricoltura (AGRI) modifica in maniera significativa la proposta della Commissione per una nuova legislazione sul biologico.

“IFOAM UE sostiene il rifiuto del Comitato della proposta della Commissione di introdurre una soglia per le sostanze non autorizzate e il suo suggerimento di armonizzare meglio le procedure di indagine in caso di contaminazione “, sottolinea Christopher Stopes, presidente di IFOAM UE.

“Tuttavia, la clausola di rivedere nuovamente la questione nel 2020 minaccia le probabilità di successo. Un nuovo periodo di 5 anni di incertezza del diritto è assolutamente inaccettabile per il settore biologico e deve essere esclusa da un nuovo regolamento”, aggiunge Marco Schlüter, direttore di IFOAM EU .Inoltre, il principio che “chi inquina paga” non può essere capovolto: gli agricoltori biologici non devono essere ritenuti responsabili per la contaminazione derivante da agricoltura convenzionale o intensiva. Questo principio è valido oggi e anche nel 2020.

parlamento europeo
parlamento europeo

“Nel settore del controllo del biologico il Parlamento ha inviato un segnale molto chiaro circa il suo valore nella catena di fornitura e il ruolo dei controlli annuali per mantenere la fiducia dei consumatori di prodotti biologici”, dice il vicepresidente Sabine Eigenschink. “Mantenere il controllo annuale obbligatorio, mantenendo i requisiti di controllo specifici nel regolamento del biologico e rifiutando l’eccesso di oneri amministrativi o fiscali per i negozi che vendono alimenti biologici restano le questioni centrali per il movimento biologico”.

“E ‘bene che la commissione abbia riconosciuto la realtà di attori biologici e garantisca una certa flessibilità nella realizzazione di un mercato sempre più aperto ai prodotti biologici in Europa. Ciò è particolarmente importante per i paesi in cui il biologico è meno sviluppato, soprattutto nei nuovi Stati membri”, ricorda Albena Simeonova, membro IFOAM del Consiglio UE  della Bulgaria. “Nella stessa linea, accogliamo con favore i suggerimenti per migliorare la situazione attuale. Ad esempio, avere un approccio graduale verso l’obiettivo di 100% sementi biologici è molto costruttivo”.

Tutti gli ingredienti per un dialogo costruttivo tra gli attori della filiera paiono esserci; tuttavia un sacco di ostacoli devono ancora essere superati se si vuole sviluppare un regolamento del biologico coerente che sostenga l’ulteriore crescita del mercato in Europa. Una cosa è chiara:. “I cittadini europei vogliono più biologico, non meno “, sottolinea il Consigliere Jan Plagge. “Le istituzioni dell’UE hanno quindi una grande responsabilità. IFOAM UE invita ora in poi tutte le istituzioni europee a lavorare in modo costruttivo ed offre il suo sostegno a tutte le istituzioni dell’UE per raggiungere questo obiettivo”