Rinnovo Glifosato: Comitato tecnico decide di non votare

Alla fine, il tanto atteso voto degli Stati membri sulla proposta della Commissione Ue di rinnovare l’utilizzo del glifosato per altri nove anni (invece dei 15 inizialmente proposti) non c’è stato.

Alcuni Paesi hanno infatti ritenuto non soddisfacente la nuova proposta della Commissione. Così. Di fronte al No deciso di Italia e Francia e alla possibile astensione di Germania, Svezia, Slovenia, Portogallo, Lussemburgo, Austria e Grecia il Comitato tecnico ha deciso di non votare, rinviando nuovamente la decisione.

La notizia è stata accolta con soddisfazione dalla Coalizione italiana #StopGligosato.

L’Italia, assieme ad altri paesi europei, è stata determinante: il nostro Governo ha assolto al meglio il suo compito, che è quello di salvaguardare in primo luogo la salute dei cittadini e dell’ambiente”, ha commentato Maria Grazia Mammuccini, portavoce della Coalizione, composta da 38 associazioni ambientaliste, agricole e della società civile.

glifosato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il risultato è stato ottenuto anche grazie alla grossa mobilitazione dei cittadini (sono stati oltre 1,4 milioni gli europei che hanno firmato la petizione di Avaaz contro il rinnovo della sostanza) e alle numerose associazioni che si sono attivate per evitare un consistente rischio contro la salute e “per dare valore a un nuovo modello agricolo sostenibile come quello dell’agricoltura biologica”.

E tutto, continua Mammuccini, “nonostante l’arrivo due giorni fa di quelle che abbiamo già definito ‘affrettate’ pezze di sostegno da parte di un panel di esperti OMS e FAO che non confermava la cancerogenicità del glifosato nella dieta – senza poter escludere peraltro né altri danni per la salute umana né danni per tutte le persone che usano professionalmente il glifosato – un blocco importante di Paesi hanno tenuto conto del principio di precauzione. Si tratta di uno dei principi ispiratori delle leggi europee. Ed è senza dubbio una norma di buonsenso: se ci sono anche solo fondati dubbi che una sostanza possa danneggiare irrimediabilmente la salute delle persone e del Pianeta, occorre almeno sospenderne l’uso”.

Bene anche l’impegno del Governo e del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali che ha mantenuto con fermezza la propria posizione contraria all’autorizzazione della sostanza. “Ora chiediamo all’esecutivo di ribadire questa sua posizione anche a livello nazionale, con il Piano glifosato zero annunciato dal Ministro Martina, avviando anche un serio controllo sulla contaminazione ambientale e degli alimenti“, ha concluso a portavoce della Coalizione.

Nel frattempo, la Francia ha già fatto sapere che, qualsiasi sia la decisione finale presa dalla Commissione Ue, vieterà il glifosato sul proprio territorio.

Non si è fatta attendere la reazione della Monsanto, la multinazionale che produce il RoundUp, uno degli erbicidi più diffusi al mondo contenente appunto questa sostanza. La multinazionale ha accusato le autorità UE di prendere decisioni senza alcun validità scientifica, avvertendo che gli agricoltori europei pagheranno un prezzo alto per il divieto di utilizzare tali pesticidi.

Fonti:

http://www.feder.bio/comunicati-stampa.php?nid=1024

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2016-05-23/monsanto-suo-fiore-all-occhiello-e-roundup-glifosato-sotto-riflettori-ue-112712.shtml?uuid=ADak3WN

http://www.theguardian.com/environment/2016/may/20/monsanto-weedkiller-faces-recall-from-europes-shops-after-eu-fail-to-agree-deal

http://www.greenstyle.it/pesticidi-glifosato-commercio-europa-luglio-2016-194730.html

Articoli Correlati

1 Commento

  1. ANNALISA

    MA LA MONSANTO FA INTIMIDAZIONI DI STAMPO MAFIOSO? COS’E’ IL PRELUDIO DEL NOSTRO FUTURO GRAZIE AGLI ACCORDI TTIP?

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *