Il marchio “Mugello Biologico” sinonimo di qualità delle aziende biologiche toscane

Il 14 maggio nel Palazzo dei Vicari a Scarperia l’associazione Produttori Biologici Mugello ha presentato il nuovo marchio collettivo territoriale, che raggruppa ben 22 aziende agricole locali.

Sono intervenuti il sindaco di Scarperia e San Piero, Federico Ignesti, i docenti dell’Università degli Studi di Firenze, Leonardo Casini direttore del Dipartimento Gesaff su strategie di valorizzazione economica delle produzioni agricole locali e Nicola Lucifero professore di Diritto agrario sui profili giuridici del marchio “Mugello Biologico”. Un confronto fra alcuni attori dello sviluppo del biologico in Toscana, allo scopo di creare dibattitto e confrontarsi sulle dinamiche di sviluppo del settore; le conlcusioni sono state affidate a Marco Remaschi, assessore regionale all’Agricoltura.

“Dalle indagini che abbiamo fatto – ha detto il prof. Casini – in Mugello esistono le condizioni per sviluppare un progetto di sviluppo sostenibile basato sul biologico. L’Italia come superfici destinate a questo tipo di agricoltura è la seconda in Europa, ma occupa il 3% della fetta di mercato con i suoi prodotti.Se si fa un focus sul territorio mugellano, si vede come dal 1990 al 2010 il numero di aziende agricole è crollato di quasi il 50%, mentre quelle biologiche reggono. A livello europeo abbiamo una domanda importante di biologico, ma l’offerta non è in grado di recepire le richieste del mercato. Per quanto riguarda i prezzi, abbiamo rilevato che il consumatore ha una disponibilità maggiore a pagare un prodotto bio, se accompagnato da un’informazione efficace sui valori che lo accompagnano, legati al benessere animale, alla sostenibilità ambientale e alla qualità. Puntare quindi sul marchio Mugello secondo noi risulterà vincente, ma è fondamentale affiancare adeguate campagne informative di comunicazione che esaltino i punti di forza delle produzioni biologiche”.

“E’ necessario far capire agli acquirenti la qualità e che questa appaia chiara nel prodotto – ha detto nel suo intervento Riccardo Impallomeni assessore di Vaglia – lo possiamo fare solo se l’ambiente all’interno del quale si produce, si alleva e si coltiva viene percepito come qualitativamente elevato. In un momento in cui tutti i comuni del Mugello stanno realizzando i piani strutturali e si parla di distretto biologico, credo siano importante il ruolo della Regione, la condivisione dell’obiettivo dell’assessore regionale, le amministrazioni locali che diano supporto organizzando fiere che servano da vetrina per far crescere le realtà produttive”.

Luca Baldassini di Coldiretti ha fornito alcuni dati per fare alcune valutazioni: “Il 15% della superficie agricola utile italiana è coltivata a biologico. Ma abbiamo dei numeri che ci devono fare riflettere. Per la prima volta nel 2017 è calato il tasso di fiducia degli agricoltori bio. Il prezzo del grano duro biologico è diminuito del 34%, ma la produzione di pasta è aumentata. C’è un aumento dell’olio tunisino, il 71% dei legumi sono importati dalla Cina e vengono certificati magari bio da certi enti europei. Secondo me la politica deve stabilire delle regole precise, non può essere considerato tutto biologico alla stessa stregua di quello italiano, anche in termini di sostenibilità.Io preferisco un prodotto italiano certificato da un ente italiano”.

Conclude così l’assessore regionale Remaschi: “Come Regione dobbiamo salvaguardare tutta la produzione primaria, se non vogliamo che ci sia un progressivo abbandono della superficie agricola utilizzata. E’ importante fare qualità e farla in Toscana, ma dobbiamo collocare i prodotti sul mercato ad un prezzo che sia remunerativo, altrimenti quanto messo in campo non ha valore. Abbiamo nel marchio Mugello Biologico, 22 aziende che sono rappresentative di tutti i comuni del territorio. Stare insieme ed aggregarsi vuol dire essere nelle condizioni di chiudere la filiera e di capire come un prodotto, che ha determinati percorsi, possa andare sul mercato a determinati prezzi. Significa dare quindi delle risposte. Negli ultimi anni c’è stata una crescita di domanda di biologico e spesso non ci sono produzioni sufficienti per coprire le richieste del mercato e allora sì che vengono fuori prodotti ‘bio’ provenienti da un contesto mondiale in cui ci sono regole a maglie più larghe rispetto a quelle che abbiamo noi. Neanche in Europa rispettano le regole che noi imponiamo per la qualità. Per questo ci deve essere una percezione vera di cosa questa significhi e cosa comporti anche negli aspetti salutistici. Dobbiamo investire ancora di più nel settore”.

Fonte: https://www.ilfilo.net/nasce-marchio-mugello-biologico-interventi-produttori-politici/

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *