L’Agnello del Centro Italia ottiene l’IGP

Dopo l’Agnello di Sardegna e l’Abbacchio Romano, una nuova produzione tipica si aggiunge alla lista delle denominazioni IGP: si tratta dell’ “Agnello del Centro Italia”, iscritto nei giorni scorsi iscritto nel registro delle denominazioni e delle indicazioni geografiche protette. La Commissione ha così approvato l’iscrizione nel registro europeo delle Denominazioni e Indicazioni geografiche protette questa antica produzione dell’Italia centrale, che si aggiunge così alle oltre 1.100 produzioni di qualità europee, che vedono leader proprio il nostro paese. Si tratta di una denominazione di grande importanza per i produttori, dato che sono ben sei le regioni del Centro Italia che rientrano nell’elenco previsto dal disciplinare: Abruzzo, Lazio, Marche, Toscana, Umbria e in parte l’Emilia Romagna.

Si tratta di un agnello allevato allo stato brado o semi brado, di età non superiore ai 12 mesi, alimentato unicamente dal latte materno nella prima fase di vita. “La nuova IGP è un importante riconoscimento per il comparto ovino, che può favorire una migliore valorizzazione delle carni prodotte”, si legge in una nota di Confagricoltura. “Spetta ora – prosegue il comunicato – alle amministrazioni nazionale e regionali attivarsi per individuare le risorse necessarie per avviare la valorizzazione della produzione tipica dell’agnello da carne ottenuto dalle razze tradizionali dell’areale”. Secondo i dati di Confagricoltura, alla nuova IGP hanno aderito circa 130 allevamenti, 17 macelli ed un centro di sezionamento, per un totale di circa 90 mila capi. Ad oggi, sul mercato sono presenti oltre 30 mila agnelli certificati.

Fonte: Agrapress, Confagricoltura, AgenParl

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *