Export bio in Corea del Sud ora più difficile

E’ entrata in vigore dal 1 gennaio 2014 in Corea del Sud la nuova normativa in materia, di agricoltura biologica. Si tratta di un insieme di disposizioni che il governo ha deciso di adottare malgrado le forti pressioni provenienti sia dall’UE che da altri Paesi interessati, a cominciare dagli Stati Uniti. La normativa, più stringente della precedente, prevede che con decorrenza 1 gennaio 2014 non potranno più essere esportati in Corea con l’etichetta “biologico” i prodotti di aziende non certificate secondo gli standard coreani. Poiché’ al momento sono solo due (l’olandese Control Union e la francese Eco-cert) gli enti europei riconosciuti dalle Autorità coreane anche sotto il nuovo regime, e quindi autorizzati a fornire tale certificazione, l’export italiano (oltre che di altri Paesi UE) di prodotti biologici verso la Corea rischia di subire un pesante contraccolpo. Lo stesso Ministro dell’agricoltura coreano tuttavia ha ribadito in proposito l’auspicio di un rapido avanzamento dei negoziati per un accordo di reciproca equivalenza, al fine di superare l’attuale impasse. Per queste ragioni, gli operatori italiani del comparto agricolo biologico possano decidere se adeguarsi al nuovo regime, oppure attendere la conclusione dei negoziati per un accordo di equivalenza, negoziati che tuttavia, allo stato attuale delle informazioni in possesso del Mipaaf e degli Organismi di controllo, potrebbero richiedere molti mesi.
Fonte: Mipaaf

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *