Con la nuova PAC si auspicano più fondi al biologico

“E’ ora di cambiare passo. Che l’Italia spenda il 97% dei fondi europei e nazionali per l’agricoltura convenzionale e il 3% per l’agricoltura biologica è una follia. Dobbiamo impegnarci per far sì che con la nuova PAC la musica cambi”. Così Susanna Cenni commenta il Rapporto Cambia la terra 2018.

La Dott.ssa Cenni, vice presidente della commissione Agricoltura della Camera, incuriosita da alcune voci secondo le quali l’agricoltura biologica otteneva gran parte delle sovvenzioni, ha deciso di fare delle ricerche. Queste hanno dimostrato il contrario, non è l’agricoltura biologica a ricevere la maggior parte dei fondi, bensì è l’agricoltura convenzionale ad intercettare circa il 97% delle somme stanziate, il restante 3% dei fondi sono dedicati al biologico. Come è possibile?

In occasione del dibattito sulla nuova PAC (Politica Agricola Comune) sarà rimesso tutto in discussione, afferma la vice presidente Cenni. Non solo, dichiara che prossimamente (forse a novembre), dopo il giudizio della Commissione Agricoltura della Camera, potrebbe arrivare un nuovo disegno di legge per l’agricoltura biologica:

  • Incremento dei fondi per la ricerca
  • Norme sui biodistretti

“Ma sarebbe molto utile che il governo mettesse attorno a un tavolo tutti gli interessati per provare a costruire una proposta che goda di un largo consenso. Inoltre sullo stop al glifosato ci sono due interrogazioni, una a firma mia: aspetto la risposta del governo”.

Nel frattempo, in alcune zone d’Italia è iniziata una campagna di sensibilizzazione contro i pesticidi, tramite una raccolta firme per muoversi verso un probabile referendum.

Fonte:

https://www.cambialaterra.it/rapporto/

http://www.cambialaterra.it/2018/10/contro-aiutino-ai-pesticidi-battaglia-sulla-nuova-pac/

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *