PAC, GLI STATI MEMBRI DEVONO PRESENTARE SOLUZIONI CONCRETE PER DEFINIRE UNA RIFORMA AMBIZIOSA

BRUXELLES, 29 GENNAIO 2018

I ministri dell’agricoltura hanno avuto il primo di una serie di scambi approfonditi sulla comunicazione del futuro dell’alimentazione e dell’agricoltura della Commissione europea.

IFOAM UE ritiene che, per garantire una PAC efficiente dopo il 2020, gli Stati membri debbano partecipare attivamente alla definizione di una riforma che consenta agli agricoltori di passare a sistemi di agricoltura più sostenibili e che sia sostenuta da un forte bilancio dell’UE. Benché la maggioranza dei ministri dell’agricoltura abbia accolto con favore l’approccio globale esposto nella comunicazione della Commissione, essi hanno espresso riserve significative sul fatto che una nuova PAC con maggiore responsabilità per gli Stati membri potrebbe aumentare gli oneri amministrativi sia per gli Stati membri sia per gli agricoltori.

Jan Plagge, IFOAM UE, Vicepresidente: “Oggi molti ministri dell’agricoltura hanno riconosciuto che la comunicazione della Commissione sposta la PAC nella giusta direzione adottando un approccio più integrato alla politica dell’UE e introducendo piani strategici che coprano entrambi i pilastri 1 e 2. Tale flessibilità ha il potenziale per raggiungere gli obiettivi dell’UE in modo più efficiente, e ora il tempo che gli Stati membri trovino soluzioni concrete, insieme ad agricoltori e cittadini, per sviluppare piani strategici efficaci che possano garantire un’attuazione ambiziosa degli obiettivi dell’UE e degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite “.

Eduardo Cuoco, IFOAM UE, Direttore: “Per garantire forti investimenti nel settore agricolo dell’UE dopo il 2020, gli Stati membri devono chiedere un legame esplicito tra sostegno del reddito agricolo e raggiungere obiettivi ambientali e socioeconomici comuni per l’agricoltura sostenibile da incastrare nel prossimo quadro di bilancio dell’UE. La crescente domanda di alimenti biologici tra i consumatori dell’UE e una comprovata esperienza nell’erogazione di beni pubblici dimostrano che gli investimenti nell’agricoltura biologica possono sostenere gli sforzi per spostare l’UE verso modelli più integrati di crescita sostenibile, che funzionano per gli agricoltori, per i cittadini e per l’ambiente”.

fonte: http://www.ifoam-eu.org/en/news/2018/01/29/press-release-member-states-must-set-out-concrete-solutions-deliver-ambitious-cap

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *